Asteroide 2012 TC4 sfiorerà la Terra ma non rappresenta un pericolo

L’asteroide 2012 TC4 si avvicinerà alla Terra il prossimo 12 ottobre ad una distanza di circa 50.000 chilometri, circa 1/8 della distanza media tra la Terra e la Luna. Nonostante questa estrema vicinanza, l’asteroide non rappresenta comunque un pericolo, come rilevato anche dalle ultimissime osservazioni.
Secondo Alron Harris, un ex ricercatore di Jet Propulsion Laboratory (JPL) intervistato da Astrowatch.net, non si rileva alcun pericolo nel passaggio che avverrà il 12 ottobre.

Lo stesso ricercatore sottolinea che, anche se 2012 TC4 dovesse comunque colpire la Terra (ma non lo farà), non provocherebbe danni particolari in quanto molta della sua massa si brucerebbe l’atmosfera dato che è relativamente piccolo (dovrebbe colpire comunque centri abitati e in questo caso provocherebbe più o meno i danni agli edifici che sono avvenuti con impatto della meteora di Čeljabinsk nel 2013).

L’asteroide 2012 TC4, dalla forma alquanto allungata, è stato scoperto dall’osservatorio Pan-STARRS nelle Hawaii il 4 ottobre 2012. L’asteroide, che vanterebbe un diametro stimato tra gli 8 e i 26 metri, orbita intorno al sole ogni 1,67 anni ad una distanza media di 1,4 unità astronomiche.
Inizialmente alcuni calcoli stimavano che il passaggio sarebbe dovuto avvenire addirittura a soli 6800 km di distanza dalla Terra, tuttavia nuovi calcoli hanno perfezionato la stima portando la distanza a 43.500 km.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi