Creata versione wireless di nanogeneratore triboelettrico

Schema del W-TENG (credito immagine: Adv. Energy Mater. 2017, 1702736)

Era il marzo del 2017 quando un gruppo di scienziati del Clemson’s Nanomaterials Institute (CNI) annunciò l’invenzione del nanogeneratore triboelettrico ultra-semplice (ultra-simple triboelectric nanogenerato, U-TENG), un dispositivo contenuto nelle dimensioni che sfrutta l’effetto triboelettrico per produrre elettricità, un effetto considerato eco sostenibile.
Ora un nuovo gruppo di ricercatori, tramite uno studio pubblicato su Advanced Energy Materials, dichiara di aver creato una versione wireless di questo nanogeneratore, cosa che apre dunque le porte per la trasmissione di elettricità tramite effetto triboelettrico senza fili.

Questa nuova versione, denominata W-TENG, si basa sulla stessa tecnologia del nanogeneratore di base: quando due materiali vengono strofinate o comunque messi in contatto l’uno con l’altro, genera una tensione e dunque una carica elettrica.
Per ottenere la trasmissione wireless della carica, i ricercatori hanno utilizzato una fibra a base di grafene al posto della plastica. Per la precisione hanno utilizzato un singolo strato di grafite e un polimero biodegradabile, l’acido polilattico (PLA). Gli stessi ricercatori hanno poi sostituito il nastro Kapton con il Teflon.

Il dispositivo riesce a creare una tensione massima di 3000 V (sufficiente per l’alimentazione di 25 prese elettriche standard) e il campo elettrico che genera vanta una tensione così elevata che può essere rilevato in modalità wireless e condensato in una batteria.
Secondo Sai Sunil Mallineni, uno degli autori della ricerca, questo dispositivo “Non solo ti può dare energia, ma puoi anche utilizzare il campo elettrico come telecomando, ad esempio puoi toccare il W-TENG e usare il suo campo elettrico come un ‘pulsante’ per aprire la porta del garage, oppure potresti attivare un sistema di sicurezza – tutto senza batteria, passivamente e senza fili”.

Fonti e approfondimenti




Commenta per primo

Rispondi