Drone-bagnino salva ragazzi in mare: è la prima volta con velivoli senza pilota

Due ragazzi australiani sono stati salvati da un drone quando si sono trovati, più o meno all’improvviso, nel bel mezzo di pericolose onde. Il drone è stato comandato dal bagnino sulla spiaggia. Quest’ultimo è riuscito a farlo arrivare al punto in cui i due ragazzi di 17 e di 15 anni stavano per annegare.

Qui il drone (nella foto) ha sganciato un supporto galleggiante il quale ha permesso ai ragazzi di rimanere a galla e di respirare. Dopo essersi aggrappati al supporto, i ragazzi sono stati in grado, in maniera relativamente facile, di tornare poi a riva.
Secondo il bagnino, è stata eseguita un’azione che, se fosse stata messa in pratica da un bagnino umano, avrebbe portato via molto più tempo; si parla di minuti preziosi che, in una situazione del genere, possono essere anche letali.

Secondo un rappresentante delle istituzioni locali, si tratta di un salvataggio che ha un’importanza mondiale in quanto è la prima volta che si effettua una salvataggio in mare tramite un drone, qualcosa che rimarca ancora di più l’importanza di queste nuove tecnologie.

Fonti e approfondimenti




Commenta per primo

Rispondi