Effetto fotodielettrico consentirà display touch in stile Minority Report?

Nel film di fantascienza Minority Report, così come nel film Iron Man, i protagonisti utilizzano strutture informatiche semplicemente muovendo le mani nell’aria e agendo, così, sul sistema operativo onde, per esempio, aprire file, cartelle, filmati eccetera. Il tutto utilizzando speciali guanti che permettono letteralmente di manipolare oggetti a livello virtuale.
Nonostante questa tecnologia risulti ad oggi ancora fantascienza, un nuovo studio proveniente da un gruppo di ricercatori giapponese, pubblicato su Applied Physics Letters, sembra infondere una certa fiducia riguardo ad un eventuale realizzazione concreta di un’interfaccia del genere.

I ricercatori si sono concentrati su un nuovo fenomeno della luce, denominato effetto fotodielettrico, il quale potrebbe portare, un giorno, a display touch con controllo laser.
Diversi componenti di un ipotetico circuito di base sono già stati sviluppati ma quello che manca è un fotocondensatore.

Secondo Hiroki Taniguchi dell’Università di Nagoya, in Giappone, uno degli autori dello studio, “un fotocondensatore fornisce un modo innovativo per l’azionamento di dispositivi elettronici con la luce. Spingerà l’evoluzione dell’elettronica alla fotoelettronica di nuova generazione”.
I ricercatori precedenti avevano raggiunto un simile effetto fotoelettrico utilizzando una varietà di materiali ma si basavano sulla foto-conduttività, con la luce che aumentava la conducibilità elettrica dei materiali.

Ora Taniguchi il colleghi dichiarano di aver dimostrato l’esistenza dell’effetto fotodielettrico sperimentalmente.
Naturalmente ulteriori ricerche dovranno essere effettuate prima che si possano realmente vedere schermi e interfacce controllate con la luce ma questo lavoro sembra un passo significativo.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi