Giappone abolisce divieto di coltivare organi umani negli animali

Un gruppo di esperti scientifici del Giappone ha raggiunto un accordo sull’abolizione dell’attuale divieto riguardo la creazione di organi umani nel corpo di animali. Secondo il ministero della scienza e della tecnologia del paese del Sol Levante, il governo rivedrà le linee guida già durante il prossimo anno fiscale (in sostanza ad aprile di quest’anno).

Quello che viene approvato e quello che dunque sarà permesso è il trapianto degli embrioni negli uteri degli animali. Tra questi ultimi quelli più utilizzati sono di sicuro i maiali in quanto la dimensione e le fattezze degli organi interni dei suini sono molto simili a quelle degli umani.
A causa dell’attuale divieto, infatti, molti dei ricercatori e degli scienziati giapponesi nel campo hanno dovuto condurre i loro esperimenti all’estero.

Creare organi umani negli animali è una procedura già sviluppata da diverso tempo e che può effettivamente aiutare ad affrontare la carenza degli organi per i trapianti umani.
Nello stesso incontro si è trovato un accordo anche per quanto riguarda la produzione in laboratorio di cellule umane del cervello, di sperma e di uova umane.

Fonti e approfondimenti




Commenta per primo

Rispondi