Nuova tecnologia di stampa 3D realizza mobili in mezz’ora

Un gruppo di ricercatori della Massachusetts Institute of Technology, in collaborazione con Steelcase e il progettista Christophe Guberan, ha realizzato una nuova tipologia di scansione per la stampa 3D, denominata Rapid Liquid Printing (RLP).

Questa tecnica, che tuttavia è ancora in fase di sviluppo, aumenta la quantità dei materiali che si possono utilizzare ma soprattutto la velocità tanto che si tratta di una delle stampanti 3D, almeno concettualmente, più veloci del mondo per quanto riguarda strutture in tre dimensioni di un certo rilievo come ad esempio i mobili.
La superficie di un tavolino, come quello che si può vedere nella foto qui sopra, è stata stampata in soli 28 minuti. La facilitazione principale arriva dal fatto che non vi è praticamente alcuna post elaborazione (naturalmente alla superficie vanno sono attaccate manualmente le gambe).

Secondo Yuka Hiyoshi, designer industriale della Steelcase, la qualità principale di questa tecnologia di stampa è tutta nella morbidezza, quasi organica, che “evoca immagini di pennellate o rami delle piante”.
Gli stessi produttori, così come i ricercatori del MIT, hanno lasciato intendere che questa tecnologia potrebbe letteralmente cambiare le carte in tavola per quanto riguarda la creazione autonoma di mobili per la caso o per l’ufficio: in futuro, probabilmente, basterà scaricare lo schema da Internet, eventualmente previo acquisto, per poter stampare il mobiletto in una mezz’oretta senza neanche uscire di casa o dal proprio ufficio.

Secondo Skylar Tibbits, direttore esecutivo del MIT Self-Assembly Lab, impegnato in prima linea nella progetto, il processo non stampa a strati, non richiede materiale di supporto, impiega pochi secondi e utilizza materiali liquidi industriali quotidiani.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi