Primo volo transpacifico con aereo alimentato da biocarburante a base di semi di senape

Il primo volo transpacifico, nello specifico da Los Angeles a Melbourne, con un veicolo alimentato esclusivamente da biocarburanti è stato celebrato lunedì quando è partito un Qantas Boeing 787 Dreamliner, con il serbatoio ridondante di oltre 24.000 chili di carburante a base di semi di senape. Il velivolo dovrebbe atterrare a Melbourne alle 10:10 ora locale del 30 gennaio.

Si tratta di un volo storico in quanto dimostra che anche voli di lunga percorrenza possono essere alimentati tramite carburanti biologici che naturalmente sono causa di un livello di inquinamento di molto minore rispetto ai classici carburanti.
Il biocarburante utilizzato è stato estratto della Brassica carinata, un tipo non alimentare di senape, tramite un processo sviluppato dalla società agricola canadese Agrisoma Biosciences.

Secondo la Qantas un biocarburante del genere può ridurre le emissioni di carbonio di oltre l’80% rispetto ai carburanti tradizionali.
Le due società, Qantas e Agrisoma, hanno creato una partnership in base alla quale diverse aziende agricole australiane produrranno gran parte dei semi dai quali si otterrà il biocarburante necessario per l’aviazione commerciale dell’Australia entro il 2020.

Lo stesso Alison Webster, CEO di Qantas Internation, dichiara: “La nostra partnership con Agrisoma segna un grande passo nello sviluppo di un’industria del carburante rinnovabile per aerei in Australia: è un progetto del quale siamo veramente orgogliosi di far parte mentre guardiamo ai modi per ridurre emissioni di carbonio attraverso le nostre operazioni”.

La Brassica carinata si rivela particolarmente adatta per la produzione di biocarburanti se si pensa che con un ettaro di terra utilizzata per la produzione di semi si possono produrre oltre 400 litri di biocarburante e 1400 litri di diesel rinnovabile. Inoltre dopo l’estrazione dell’olio, le parti restanti possono essere utilizzate per la produzione di farine per mangimi animali.

Fonti e approfondimenti




Commenta per primo

Rispondi