Saune frequenti mantengono sotto controllo pressione sanguigna

Secondo uno studio i cui risultati sono stati pubblicati su American Journal of Hypertension frequenti bagni nella sauna diminuiscono i rischi di una pressione sanguigna elevata. Lo studio si è avvalso delle analisi su una popolazione di 1621 uomini di mezza età abitanti della parte orientale della Finlandia.

Gli studi sono stati effettuati sulla base delle loro abitudini riguardo la pratica della sauna. Il gruppo è stato diviso in tre sottogruppi in base alla frequenza: quelli che vanno in sauna una volta la settimana, quelli che ci si recano due-tre volte la settimana e quelli che praticano la sauna quattro-sette volte a settimana.
I risultati determinano che il rischio di ipertensione diminuiva di circa il 24% negli uomini con una frequenza di due-tre volte la settimana mentre tra quelli che la praticavano quattro-sette volte la settimana il rischio diminuiva del 46%.

La spiegazione sta nel fatto che, durante la sauna, la temperatura corporea può salire anche di 2° centigradi. Questo aumento di temperatura, in un lasso di tempo relativamente breve, causa la dilatazione dei vasi sanguigni.
Il sudore che si crea sul corpo rimuove poi i fluidi interni, altro fattore che contribuisce a ridurre i livelli di pressione sanguigna. Infine, in generale la sauna una abbassa la pressione sanguigna anche grazie ad un rilassamento generico a livello mentale e dunque psicologico.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi