Supervulcano di Yellowstone potrebbe eruttare prima di quanto previsto

Secondo nuove ricerche il supervulcano di Yellowstone potrebbe eruttare prima di quanto previsto Secondo quanto riportato da due articoli, uno del National Geographic e l’altro del New York Times.
I ricercatori dell’Arizona State University hanno passato diverse settimane nel parco ad analizzare cenere fossilizzata risultante dalla mega eruzione più recente (631.000 anni fa) e sarebbero giunti alla conclusione che una sorta di avvertimento, sotto forma di magma che si comincia a formare sotto la caldera vulcanica, potrebbe avvenire solo pochi decenni prima dell’eruzione.

Secondo Hannah Shamloo, una delle ricercatrici impegnate nello studio intervistata dal New York Times, risulta scioccante sapere che c’è un periodo di tempo così breve prima di sapere di una mega eruzione.
I ricercatori hanno infatti compreso che la super eruzione più recente del vulcano di Yellowstone si scatenò dopo che una nuova massa di magma si trasferì sotto al sistema della caldera solo pochi decenni prima dell’eruzione. In precedenza si credeva che questo processo avvenisse in millenni. Pochi decenni sono un battito di ciglia in una scala temporale geologica.

Ora che ci si aspetta che il vulcano possa dare segni di una eventuale eruzione solo pochi decenni prima, più o meno la durata di una vita media umana, la cosa comincia a farsi molto più seria. Un tempo stimato in pochi decenni risulta infatti comunque molto breve considerando che una eruzione del genere sconvolgerebbe tutta l’America del Nord (se non tutto l’emisfero occidentale) da cui, almeno si pensa, il territorio dovrebbe comunque essere sfollato onde poter salvare la popolazione.

Parliamo di un’eruzione che potrebbe far eruttare una quantità di materiale 2500 volte superiore a quella espulsa dall’eruzione del 1980 del Monte Sant’Elena.
Uno sgombero del genere, che riguarda centinaia e centinaia di milioni di persone, da effettuare solo in pochi decenni resta dunque una sfida di sicuro non di poco conto.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi