Terapia di coppia con intelligenza artificiale che analizza il tono di voce

Forse starete pensando che non c’è niente di più lontano dalla concezione di intelligenza artificiale della terapia di coppia, tuttavia dovreste ricredervi: se già vi è capitato in qualche film o serie televisiva di vedere terapisti di coppia robot (sì, ci è capitato anche questo, si veda un episodio della seconda stagione della serie televisiva Humans), sappiate che non si tratta di qualcosa di così fantascientifico.

Secondo una recente ricerca dell’Università della California Meridionale e dell’Università dello Utah è possibile utilizzare speciali algoritmi informatici per determinare il livello qualitativo della relazione di coppia. Il software analizza il tono della voce dei due partner quando hanno una discussione per fornire indicazioni onde determinare il livello qualitativo del rapporto.
In particolare l’algoritmo può determinare se c’è stato un miglioramento o un peggioramento nel corso del tempo, ossia rispetto a discussioni passate.

Lo studio si è avvalso dell’analisi di 134 coppie e di vari spezzoni audio registrati durante conversazioni se non liti. Sono state analizzate in particolare varie caratteristiche dell’audio tra cui l’intensità del sonoro, il pitch, il jitter e lo shimmer, valori che poi l’intelligenza artificiale ha utilizzato per rilevare stati emotivi o comunque psicologici.
I risultati di queste analisi dimostravano che le analisi effettuate dall’AI erano simili se non migliori di quelle effettuate da terapisti umani. Inoltre, combinando i due metodi, si poteva ottenere un tasso di successo ancora più elevato, una cosa che mostra non solo le potenzialità di questa ricerca ma dell’applicazione del metodo informatico in questo campo.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi