Uber presenterà prime macchine volanti nel 2020

In un comunicato alla AFP, Uber ha dichiarato che metterà in atto alcuni progetti di veicoli volanti, per il trasporto delle persone, entro il 2020.
L’azienda realizzerà quello che può essere denominato come un veicolo vertical takeoff and landing (VTOL), ad atterraggio e a partenza verticale (come gli elicotteri). La relativa rete di veicoli sarà denominata Uber Elevate.
Al momento le città che lavoreranno in partneriato con Uber saranno Dubai e Dallas.

Secondo la dichiarazione, “l’obiettivo di queste partnership è quello di sviluppare una nuova rete VTOL on-demand per consentire ai clienti in futuro di spingere un pulsante e di ottenere un volo ad alta velocità nelle città e nei dintorni”. Qualcosa che probabilmente si è visto solo nei film di fantascienza, almeno fino ad ora (il primo pensiero va ai taxi volanti di Ritorno al futuro o de Il quinto elemento).
Un sistema che, se avesse successo, potrebbe portare ad una riduzione sostanziale del numero di veicoli circolanti a terra e quindi ad un contrasto forse decisivo alla congestione dei trasporti e al relativo inquinamento.

Hubble ha dunque deciso che l’aviazione urbana si profila come un passo avanti naturale nel contesto del business dell’azienda.
La prima dimostrazione potrebbe avvenire proprio a Dubai durante il World Expo 2020 mentre le prime operazioni su una più larga scala potrebbe avvenire in Texas, nello specifico nella zona metropolitana di Dallas, entro il 2023.
Questo annuncio segue quello di Kitty Hawk, azienda co-fondata da Larry Page sviluppatrice di un nuovo veicolo volante per il volo singolo.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi