Veicolo robot che si guida da solo e consegna cibo a domicilio: ecco EAT24

L’azienda Yelp, che sta dietro Yelp.com, un sito di recensioni di ristoranti e luoghi di ristorazione, ha diffuso informazioni riguardo ad un nuovo veicolo, definibile anche come robot, a guida autonoma che può consegnare il cibo a domicilio. Il robot, denominato EAT24 costruito in collaborazione con Marble, un’altra società incentrata sulla costruzione di bot autonomi, è stato testato nella zona della baia di San Francisco. Il robot, con le sue quattro piccole ruote gommate, ha percorso brevi tragitti per portare il cibo, conservato nello scompartimento al suo interno, a vari clienti della zona.

A partire dai prossimi mesi della infatti, i clienti che ordinano dai ristoranti che parteciperanno all’iniziativa di Yelp potranno vedersi consegnare il cibo a domicilio proprio dal piccolo robottino semovente di colore bianco.
Per contrastare eventuali malintenzionati, quando il cibo arriva a destinazione, i clienti devono utilizzare un codice di accesso univoco che consente loro di aprire lo scompartimento di carico e recuperare il cibo.

Per quanto riguarda le dimensioni, il robot sembra anche abbastanza grandicello soprattutto se confrontato con quelli creati da altre aziende che stanno sperimentando la stessa tipologia di consegna a domicilio. I produttori hanno lasciato intendere che una dimensione più grande permetterà di avere un maggiore spazio per stipare la merce da consegnare.

Per quanto riguarda eventuali permessi di circolazione, la cosa non è stata accennata ma non non dovrebbero esserci problemi particolari negli anni futuri soprattutto se l’intelligenza di queste strumentazioni robotiche, che comunque circoleranno abbastanza lentamente rispetto agli altri veicoli, risulterà appropriata.

La Yelp sembra abbastanza fiduciosa tanto che nelle prossime settimane aggiungerà altri ristoranti all’iniziativa, tutti ovviamente nell’area di San Francisco.
L’unico difetto? Il robottino non può salire fin su all’appartamento e bussare la porta e si dovrà quindi scendere strada per recuperare il cibo. Ma forse questo sarebbe anche chiedere troppo.

Fonti e approfondimenti


Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi