Zealandia, il continente sommerso: si studiano i fondali

Zealandia è il nome di un continente sommerso staccatosi diverse decine di milioni di anni fa dall’Antartico e dall’Australia. Di questo continente fanno tra l’altro parte anche diverse regioni che possono vantare comunque terre emerse tra cui la Nuova Zelanda e la nuova Caledonia, più altre isole più piccole.
Un gruppo di 32 scienziati della Texas A & M University, nel contesto dell’International Ocean Discovery Program (IODP), è tornato da una spedizione, effettuata la settimana scorsa, nel Pacifico del sud onde studiare più approfonditamente questo continente sommerso.

I ricercatori hanno analizzato le profondità del mare raccogliendo detriti dei fondali fino a 2500 metri di profondità.
Secondo gli scienziati, tra le scoperte principali di questa spedizione vi è il fatto che Zealandia potrebbe essere molto più vicina al livello della terra di quanto precedentemente pensato. In ogni caso Zealandia resta ancora una regione poco studiata e analizzata.

Secondo Gerald Dickens, ricercatore dell’Università Rice di Houston, Texas, “Sono stati studiati oltre 8.000 esemplari e sono state identificate diverse centinaia di specie fossili. La scoperta di gusci microscopici di organismi che vivevano in caldi mari superficiali e di spore e polline di piante terrestri, rivelano che la geografia e il clima della Zelanda erano drammaticamente diversi nel passato”.

Fonti e approfondimenti

Articoli simili




Commenta per primo

Rispondi