1600 chilometri quadrati di foresta amazzonica brasiliana spariti solo a luglio

Sono 1600 i chilometri quadrati di foresta pluviale dell’Amazzonia spariti nel solo mese di luglio secondo un comunicato della AFP. Si tratta di un dato che è più basso rispetto al luglio dell’anno scorso ma c’è poco da festeggiare: considerando tutto l’anno fino a questo mese, l’area totale che è sparita in Amazzonia per quanto riguarda le foreste è superiore rispetto allo stesso periodo del 2019.
In effetti il luglio dell’anno scorso fu un mese record e quindi per certi versi può essere considerato un’eccezione.

Dal primo al 31 luglio 2020 sono spariti 4730 km quadrati, un dato superiore, anche se di poco, rispetto ai 4700 km quadrati dello stesso periodo dell’anno scorso. I dati sono stati forniti dall’Istituto spaziale nazionale brasiliano.
Se si prender in considerazione l’ultimo anno, ossia il periodo da agosto 2019 a luglio 2020, le cose cominciano a farsi ancora più serie: i tecnici contano infatti 9200 km quadrati, un dato molto alto che è sensibilmente superiore, tra l’altro, rispetto a quello dei 12 mesi precedenti (agosto 2018-luglio 2019) che è di 6800 km quadrati.
Al momento è ancora troppo presto per capire se il 2020 sarà alla fine un anno positivo o negativo anche perché la stagione degli incendi è appena iniziata e raggiungerà il momento di picco solo a settembre.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook