700 milioni di anni fa Terra fu bombardata da enormi asteroidi

Una pioggia di asteroidi di dimensioni considerevoli ha impattato o sulla Terra e sulla Luna in un periodo terminato all’incirca 700 milioni di anni fa secondo un interessante studio condotto da un team di ricercatori dell’Università di Osaka, Giappone, i quali hanno analizzato con particolare attenzione 59 crateri lunari, soprattutto quelli con un diametro di più di 20 km.
I ricercatori hanno usato i dati raccolti dalla Terrain Camera (TC), uno strumento che si trovava a bordo della navicella Kaguya che ha orbitato intorno alla luna dal 2007 al 2009 raccogliendo numerosi dati.

I ricercatori dichiarano che un asteroide di almeno 100 km di diametro insieme a vari altri asteroidi, almeno 4-5, circa 30-60 volte più grandi dell’asteroide di Chicxulub (quello che ha fatto estinguere i dinosauri), hanno raggiunto il sistema Terra-Luna in questo periodo.
La probabilità che un asteroide di 100 km diametro impatti sulla Terra è di una volta ogni 100 milioni di anni, secondo gli scienziati. Questo vuol dire della maggior parte dei crateri creati da asteroidi di queste dimensioni sono stati erosi, se non cancellati del tutto, da processi geologici quali vulcanismo e altri.

Quindi scoprire qualcosa riguardo a questi impatti sulla Terra è molto difficile ed è per questo che i ricercatori dell’istituto giapponese si sono rivolti ai crateri sulla Luna, molto ben conservati dato che sulla Luna non c’è attività geologica.
Si sono soffermati su quei crateri con diametri più grandi di 20 km e tra di questi c’è il cratere Copernico, che ha un diametro di 93 km. Otto dei crateri esaminati sembrano essersi formate pressoché contemporaneamente

Esaminando questi crateri, i ricercatori sono giunti alla conclusione che almeno 4-5 asteroidi con un diametro circa 30-60 volte più grande di quello dell’asteroide di Chicxulub debbono essere impattati sulla terra in un periodo compreso tra 720 e 635 milioni di anni fa, un periodo detto cryogeniano in cui ci furono grossi cambiamenti ambientali e biologici.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook