A cosa serve la coda degli animali?

Credito: Kuttelvaserova Stuchelova, Shutterstock, ID: 1287970126

La coda è un tratto fisico che si è sviluppato durante l’evoluzione per ricoprire diverse funzioni. Come spiega Michael A. Little, un professore emerito di antropologia della Binghamton University, la coda può innanzitutto rappresentare un aiuto per il movimento e per l’equilibrio ma le sue funzioni possono essere diverse a seconda della specie.

Sono noti, solo per fare qualche esempio, i casi dei dinosauri che spostavano la coda a destra e a sinistra per bilanciare il pesante corpo e l’altrettanto pesante testa mentre si spostavano sulle due zampe inferiori. In questo modo potevano correre più facilmente. È un tratto che è caratteristico di diversi animali odierni che usano la coda per equilibrarsi meglio o anche solo come contrappeso.

Alcuni animali hanno code prensili che fungono da “mani” grazie alle quali possono aggrapparsi, per esempio, ai rami degli alberi. Tuttavia la coda può rappresentare anche un meccanismo difensivo. In diverse specie animali le code si sono evolute come vere e proprie armi. Un esempio è rappresentato dalle razze che hanno una coda “pungiglione” che usano contro i predatori in caso di attacco. Altri animali usano la coda per avvertire gli astanti che si stanno preparando a colpire (è il caso di serpenti a sonagli).

Ci sono poi insetti come le vespe che usano la coda per attaccare gli altri animali oppure per deporre le uova all’interno del corpo da parassitare. Altri animali, come i bovini, le giraffe e tanti altri, usano la coda come una sorta di “frusta” per scacciare gli insetti. Le cose possono essere usate anche per la comunicazione, ad esempio durante l’accoppiamento. I casi più noti sono quelli di diverse specie di uccelli, tra cui tacchini e pavoni che spiegano le loro code piene di piume colorate per attrarre il partner. Diversi altri animali usano poi la coda per comunicare: i cani, per esempio, lo fanno per indicare la propria eccitazione.

E gli esseri umani? Gli esseri umani hanno perso la coda, probabilmente intorno a 20 milioni di anni fa quando hanno cominciato a camminare in posizione eretta. Camminando in questa posizione, sul terreno, non c’è più bisogno di una coda per mantenere l’equilibrio o per aggrapparsi ai rami degli alberi.

Note e approfondimenti

  1. Why do animals have tails?
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo