A volte un buco nero può ricevere un “calcio” che lo fa schizzare fuori dalla sua galassia

Credito: Marko Aliaksandr, Shutterstock, ID: 2068380365

Quando due buchi neri ruotano uno intorno all’altro entrano in una sorta di spirale che termina con un pauroso impatto (e con conseguente rilascio di onde gravitazionali che possono essere rilevate anche dalla Terra). Tuttavia qualcuno ha teorizzato che in alcuni casi può avvenire una cosa strana: uno dei due buchi neri avvicinandosi all’altro acquisisce una velocità talmente alta che, in una sorta di “rinculo”, può schizzare via e addirittura essere espulso dalla galassia in cui si trova.

Astronomi hanno analizzato fusione tra due buchi neri

Questo approccio teorico è stato formulato dagli astronomi quando hanno notato buchi neri con un movimento troppo rapido. Un nuovo studio, condotto da Vijay Varma Istituto Max Planck di Fisica Gravitazionale sembra dare un forte supporto a questa teoria. I ricercatori, con l’aiuto dei colleghi, hanno scoperto, analizzando una fusione tra due buchi neri denominata GW200129, quello che viene considerato come il primo evento che mostra una firma forte ed inequivocabile di precessione. Si tratta di un cambiamento dell’orientamento dell’asse di rotazione di un corpo rotante. Sostanzialmente l’indizio che uno dei due buchi neri della coppia ha cominciato ad allontanarsi.

Uno dei buchi neri ha ricevuto un “calcio” che forse lo ha fatto schizzare fuori dalla galassia

I ricercatori hanno infatti notato una modifica dell’ampiezza del segnale delle onde gravitazionali emesse da questo evento. Questa sorta di asimmetria suggerisce che uno dei due buchi neri, di circa 60 masse solari, ha ricevuto un “calcio” che molto probabilmente lo ha fatto schizzare via dalla sua galassia ad una velocità di 1500 km al secondo.
Si tratterebbe, comunque, di eventi abbastanza rari e comunque non comuni anche considerando le ormai numerose fusioni di buchi neri intercettate tramite il metodo dell’analisi delle onde gravitazionali da parte degli astronomi.

Note e approfondimenti

  1. Phys. Rev. Lett. 128, 191102 (2022) – Evidence of Large Recoil Velocity from a Black Hole Merger Signal (DOI: 10.1103/PhysRevLett.128.191102)

Articoli correlati


Condividi questo articolo


Dati articolo