Acido tannico come indurente per materiali adesivi più efficienti e migliori per l’ambiente

Acido tannico

Il comparto della ricerca dedicato alla scoperta di materiali o sostanze adesive sempre più efficienti non rallenta di certo, anzi.
Un nuovo studio, stavolta davanti da ricercatori della Purdue University, mostra che un particolare acido usato in medicina o per aromatizzare alcune bevande può essere d’aiuto per costruire adesivi più durevoli e migliori anche sotto il profilo ambientale.

I ricercatori hanno infatti utilizzato l’acido tannico per creare adesivi più efficienti e in generale materiale di produzione migliorati.
Questo acido potrebbe essere utilizzato in particolare, come rilevano gli stessi ricercatori della Purdue, per i polimeri a base epossidica, considerati tra gli adesivi più versatili e utili in generale.

Questi ultimi hanno però bisogno di un agente indurente che viene aggiunto per garantire stabilità e rigidità in determinati contesti ambientali e a determinate temperature, in special modo con le più alte.
Utilizzando proprio l’acido tannico come indurente, come specifica Jeffrey Youngblood, professore di ingegneria dei materiali presso il College of Engineering della Purdue, si possono creare materiali adesivi più efficienti ma soprattutto più sostenibili rispetto alle altre opzioni che hanno un impatto ambientale, oltre che economico, considerevole.

L’acido tannico, infatti, è un composto polifenolico naturale che mantiene i materiali al giusto livello di rigidità quando esposti a temperature elevate.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook