Alibaba propone ad allevatori cinesi suo software per tracciare maiali

Alibaba sta compiendo progressi davvero spediti per quanto riguarda lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, che sta tentando di applicare in ogni campo produttivo umano, complice anche l’appoggio forte da parte del governo.
Un nuovo programma portato avanti dalla multinazionale cinese si propone di utilizzare proprio l’intelligenza artificiale per l’allevamento di suini. Alibaba ha stretto per questo un accordo con il gruppo Tequ, un conglomerato cinese attivo nel campo della produzione alimentare, dell’agricoltura e dell’allevamento che alleva più di 10 milioni di maiali all’anno.

Le due aziende si propongono di introdurre il riconoscimento facciale per la prima volta nell’allevamento. Alibaba dovrebbe offrire il proprio hardware per utilizzare un software di riconoscimento immagini onde riconoscere ogni singolo maiale nelle fattorie.
A questo scopo, tutti i maiali verranno contraddistinti da un particolare segno sul corpo al fine di poter implementare il riconoscimento automatizzato. I maiali verranno inseriti in un database e verranno seguiti da parte degli allevatori i quali inseriranno vari dati tra cui la razza del maiale, la sua età e il peso.

Il software sarà in grado di monitorare l’attività fisica dei maiali e, grazie a sensori acustici, potrà valutare anche il loro livello di salute. Il software, infatti, analizzerà i versi e gli eventuali colpi di tosse dei suini per comprendere se sono malati o se sono sani e anche se c’è un pericolo di diffusione di una eventuale malattia all’interno della fattoria.

Tutti questi dati verranno utilizzati, poi, per capire quali maiali, tra le migliaia presenti, sono più in grado di produrre una prole sana.
L’utilizzo dell’intelligenza artificiale potrebbe dunque avvantaggiare tutti quei grandi allevatori che gestiscono centinaia di migliaia, se non milioni, di maiali, un numero che rende impossibile anche solo contarli.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi