Alieni devono pur comunicare, forse potremmo scoprire sonde che usano

Credito: Naeblys, Shutterstock, ID: 1986391979

Eventuali civiltà aliene intelligenti potrebbero essere molto più avanzate di noi a livello tecnologico. Una civiltà intelligente più avanzata di noi probabilmente manderebbe sonde in giro per il suo quartiere galattico, verosimilmente in tutti i sistemi stellari interessanti intorno a quello d’origine. Nel caso ci trovassimo proprio nel quartiere galattico di una di queste civiltà intelligenti, allora vorrebbe dire che una sonda aliena potrebbe essere presente anche nel nostro sistema solare o comunque in un sistema stellare vicino a noi.

Alieni potrebbero aver creato rete di comunicazione nella nostra galassia

Basandosi su questo concetto, due scienziati dell’Università di Liegi e del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno realizzato un nuovo studio, in corso di revisione per essere pubblicato su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society (ma già disponibile su arXiv). Ne parla Universe Today.
Secondo i due ricercatori, Michaël Gillon e Artem Burdanov, gli alieni potrebbero aver già creato una rete di comunicazione all’interno della nostra galassia, una rete fatta di sonde che potrebbero stazionare in diversi sistemi stellari e che permetterebbero di inoltrare messaggi interstellari. Forse potremmo intercettare proprio queste sonde.

Stella Wolf 359

I ricercatori stimano che il sistema della stella Wolf 359, una nana rossa distante da noi quasi otto anni luce, potrebbe essere un buon posto dove cominciare a cercare. Si tratta del terzo sistema stellare più vicino a noi dopo quello di Alfa Centauri e dopo quello della stella di Bernard. Non è stato ancora confermato alcun pianeta per il sistema di Wolf 359 ma, secondo i ricercatori, si trova in un particolare piano orbitale, rispetto alla posizione della Terra, per il quale l’osservazione del sistema sarebbe per noi più facilitata.

Dispositivi di comunicazione interstellare focale

In particolare sarebbe più facilitata l’individuazione di quelli che i ricercatori chiamano dispositivi di comunicazione interstellare focale (Focal Interstellar Communication Devices, FICD), sostanzialmente le sonde che gli alieni userebbero per inviare messaggi interstellari. Secondo i ricercatori anche con un telescopio di dimensioni modeste, quando la Terra si trova nella giusta posizione, si potrebbero rilevare i segnali trasmessi da queste ipotetiche sonde.

Forse potremmo scoprire le sonde aliene con i futuri telescopi

I ricercatori hanno già usato i dati raccolti dall’ Osservatorio europeo meridionale (ESO) di La Silla e da quello di Paranal, Cile, per analizzare il sistema di Wolf 359 ma non hanno trovato FICD . I ricercatori credono che le sonde in questo sistema potrebbero comunque trovarsi anche “fuori asse” e che potrebbero essere scoperte anche tramite un’analisi con imaging diretto. In pratica potremmo arrivare a fotografarle.
A tal proposito sono diversi i telescopi progettati o già in costruzione, molto più potenti di quelli che abbiamo usato fino ad oggi, che potrebbero assolvere a tale compito. Anche se le possibilità sono basse, vale la pena comunque tentare.

Note e approfondimenti

  1. [2111.05334] Search for an alien communication from the Solar System to a neighbor star (IA)

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo