Analisi di antico DNA svela i segreti delle tribù delle Americhe dell’era glaciale

Mappa che mostra il temporaneo "corridoio" di ghiaccio che unì l'Asia al Nord America e che permise a gruppi di esseri umani, forse i primi, di popolare l'area (credito: Roblespepe, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons)

Gli scienziati hanno sequenziato 15 antichi genomi dall’Alaska alla Patagonia e sono stati in grado di tracciare i movimenti dei primi umani mentre si diffondevano attraverso le Americhe a velocità “sorprendente” durante l’ultima era glaciale, e anche come interagivano tra loro nel seguente millenni.
I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Science come parte di un ampio studio internazionale, condotto dall’Università di Cambridge, che ha analizzato geneticamente il DNA di una serie di resti antichi ben noti e controversi in Nord e Sud America.

La ricerca ha anche scoperto indizi di un misterioso segnale genetico Australasiano nei resti di Lagoa Santa di 10.400 anni fa, provenienti dal Brasile, che rivelano un gruppo precedentemente sconosciuto di primi sudamericani – ma il legame Australasiano non ha lasciato traccia genetica nel Nord America.

Inoltre, una battaglia legale su uno scheletro antico di 10.600 anni – chiamato “Spirit Cave Mummy” (mummia della Caverna dello Spirito) – è terminata dopo che il sequenziamento avanzato del DNA ha scoperto che era imparentato con una tribù di nativi americani. I ricercatori sono stati in grado di respingere una teoria di vecchia data secondo cui un gruppo chiamato Paleoamericani esisteva in Nord America prima dei nativi americani. L’ipotesi paleoamericana è stata proposta per la prima volta nel 19° secolo, ma questo nuovo studio smentisce questa teoria.

“Spirit Cave e Lagoa Santa sono stati molto controversi perché sono stati identificati come i cosiddetti ‘paleoamericani’ basandosi sulla craniometria – è stato determinato che la forma dei loro crani era diversa dagli attuali nativi americani”, riferisce il professor Eske Willeslev dell’Università di Cambridge e di Copenaghen che ha guidato lo studio. “Il nostro studio dimostra che Spirit Cave e Lagoa Santa erano in realtà geneticamente più vicini ai nativi americani contemporanei che a qualsiasi altro gruppo antico o contemporaneo sequenziato fino ad oggi.”

Il significato scientifico e culturale dei resti della Spirit Cave, che furono trovati nel 1940 in una piccola alcova rocciosa nel Deserto del Gran Bacino, non fu propriamente compreso per 50 anni. I resti conservati dell’uomo sulla quarantina inizialmente erano ritenuti risalenti tra i 1500 e i 2000 anni, ma durante gli anni ’90 i nuovi test sui tessuti e sui capelli hanno datato lo scheletro a 10.600 anni.

La tribù Paiute-Shoshone di Fallon, un gruppo di nativi americani con base nel Nevada vicino alla Spirit Cave, sosteneva l’affiliazione culturale con lo scheletro e richiedeva il rimpatrio immediato dei resti.

La loro richiesta fu rifiutata e la tribù denunciò il governo degli Stati Uniti, una causa che oppose i leader tribali agli antropologi, i quali sostenevano che i resti fornivano spunti inestimabili nei primi abitanti del Nord America e dovevano continuare a essere esposti in un museo.

La situazione di stallo è continuata per 20 anni fino a quando la tribù ha accettato che il professor Willeslev eseguisse il sequenziamento del genoma sul DNA estratto dalla Caverna dello Spirito per la prima volta.

“Ho assicurato alla tribù che il mio gruppo non avrebbe fatto il test del DNA a meno che non avessero dato il permesso e si convenne che se l’uomo di Spirit Cave fosse geneticamente un nativo americano la mummia sarebbe stata restituita alla tribù”, ha detto il professor Willeslev, che è membro del St John’s College.

Il team ha estratto il DNA dall’interno del cranio dimostrando che lo scheletro era un antenato degli attuali nativi americani. I resti di Spirit Cave sono stati restituiti alla tribù nel 2016 e all’inizio dell’anno c’è stata una cerimonia ufficiale per la sepoltura. Durante il progetto biennale, la tribù è stata tenuta informata e due membri hanno visitato il laboratorio di Copenaghen per incontrare gli scienziati ed erano presenti quando tutto il prelievo di DNA è stato effettuato.

Il genoma dello scheletro della Caverna dello Spirito ha un significato più ampio perché non solo risolve la disputa legale e culturale tra la tribù e il governo, ma aiuta anche a rivelare come gli antichi umani si trasferirono e si stabilirono attraverso le Americhe. Gli scienziati sono stati in grado di monitorare il movimento delle popolazioni dall’Alaska a sud fino alla Patagonia. Spesso si separavano l’uno dall’altra e viaggiavano in piccole gruppi isolati.

Il dottor David Meltzer, del Dipartimento di Antropologia, Southern Methodist University, Dallas, ha dichiarato: “Una cosa sorprendente dell’analisi di Spirit Cave e Lagoa Santa è la loro stretta somiglianza genetica che implica che la loro popolazione ancestrale percorse il continente a velocità sorprendente. Questo è qualcosa che abbiamo sospettato a causa delle scoperte archeologiche, ma è affascinante averlo confermato dalla genetica. Queste scoperte implicano che i primi popoli erano altamente specializzati nel muoversi rapidamente attraverso un paesaggio completamente sconosciuto e vuoto. Avevano un intero continente per se stessi e viaggiavano a grandi distanze e a grandi velocità.”

Lo studio ha anche rivelato tracce sorprendenti di ascendenza australasiana negli antichi nativi americani sudamericani, ma nessun legame genetico australasiano è stato trovato nei nativi americani nordamericani.

Il dott. Victor Moreno-Mayar, del Center for GeoGenetics, Università di Copenhagen, primo autore dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che il segnale australasiano era assente nei nativi americani prima Le popolazioni della Caverna dello Spirito e di Lagoa Santa si dividessero il che significa che gruppi che trasportavano questo segnale genetico erano già presente in Sud America quando i nativi americani raggiunsero la regione, o che i gruppi australiani arrivarono in seguito. Che questo segnale non sia stato documentato in precedenza in Nord America implica che un precedente gruppo che lo possedeva fosse scomparso o che un gruppo successivo fosse passato attraverso il Nord America senza lasciare alcuna traccia genetica.”

Il dott. Peter de Barros Damgaard, del Center for GeoGenetics dell’Università di Copenaghen, ha spiegato perché gli scienziati rimangono perplessi ma ottimisti sul segnale di ascendenza australiana in Sud America. Ha spiegato: “Se ipotizziamo che la rotta migratoria che ha portato questa ascendenza australiana in Sud America sia passata attraverso il Nord America, i portatori del segnale genetico sono arrivati ​​come una popolazione strutturata e sono andati direttamente in Sud America dove successivamente si sono mescolati con nuovi arrivi gruppi, o sono entrati più tardi. Al momento non possiamo decidere quali di questa ipotesi potrebbero essere corretta, ciò ci lascia di fronte a prove straordinarie di un capitolo straordinario nella storia umana! Ma risolveremo questo puzzle. ”

La storia della popolazione durante i millenni che seguirono l’insediamento iniziale era molto più complessa di quanto si pensasse in precedenza. Il popolamento delle Americhe era stato semplificato in quanto una serie di divisioni tra la popolazione nord e sud non aveva praticamente nessuna interazione tra i gruppi dopo la loro fondazione.

La nuova analisi genomica presentata nello studio ha dimostrato che circa 8.000 anni fa i nativi americani erano di nuovo in movimento, ma questa volta dalla Mesoamerica verso il Nord e il Sud America.
I ricercatori hanno trovato tracce di questo movimento nei genomi di tutte le popolazioni indigene del Sud America per le quali sono disponibili dati genomici.

Il dott. Moreno-Mayar ha aggiunto: “I genomi più vecchi del nostro studio non ci hanno fornito informazioni solo sui primi abitanti del Sud America, ma sono anche serviti come base per identificare un secondo flusso di antenati genetici, che è arrivato dalla Mesoamerica negli ultimi millenni e che non è evidente dalla documentazione archeologica. Queste popolazioni mesoamericane si sono mescolate con i discendenti dei primi sudamericani e hanno dato origine a molti gruppi contemporanei nella regione “.

Il testo di questo articolo è stato tradotto in italiano dal testo in inglese pubblicato qui sotto licenza Creative Commons — Attribution 4.0 International — CC BY 4.0 ed è dunque disponibile secondo la stessa licenza.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi