Anche basse dosi di alcol possono compromettere coordinazione occhio-mano

Credito: Дарья Яковлева, Pixabay, 1961542

La coordinazione tra l’occhio e la mano, fondamentale per la capacità di elaborare il movimento visivo e, tra le altre cose, fondamentale anche per la guida dei veicoli, risulta già particolarmente compromessa dopo aver consumato un quantitativo di bevande alcoliche inferiore rispetto ai limiti legali secondo un nuovo studio presentato sul Journal of Physiology.

Il team di studio ha scoperto per la prima volta che questa tipologia di coordinazione risulta molto più sensibile all’alcol di quanto creduto in precedenza. Per una persona di circa 75 kg di peso, una mezza birra potrebbe già compromettere la coordinazione occhio-mano durante la guida (così come in altre attività simili).
A svolgere questo studio è stato il Centro di ricerca Ames della NASA. La NASA, infatti, è particolarmente interessata a eventuali situazioni di stress che potrebbero influire sulle prestazioni degli astronauti in determinati ambienti con gravità alterata oppure con condizioni atmosferiche particolari. I ricercatori hanno svolto gli esperimenti su vari partecipanti, uomini e donne, con un’età media di vent’anni.

“I nostri risultati forniscono un ammonimento sul fatto che l’esperienza soggettiva dell’ubriachezza spesso non è allineata con la compromissione oggettiva della coordinazione sensomotoria. In altre parole, la maggior parte delle persone sente di non essere danneggiata dopo un drink, eppure lo è in misura significativa”, spiega Terence Tyson, il primo autore dello studio che mostra che anche quantità minime di alcol possono avere un impatto importante sul controllo visivo e sull’abilità visuo-motoria.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Data articolo