Anche i coccodrilli hanno subito notevoli cambiamenti evolutivi, soprattutto nella forma del muso

Anche i coccodrilli si sono evoluti mostrando, nel corso della loro storia evolutiva, notevoli cambiamenti, a dispetto di quanto si pensi. Molto spesso, infatti, il coccodrillo, evoluzionisticamente parlando, è dipinto come un animale che è rimasto sostanzialmente immutato per milioni di anni, una sorta di fossile vivente.
Un nuovo studio, pubblicato su Proceedings of the Royal Society B, mostra in realtà che anche questi rettili hanno intrapreso la loro difficile e mutevole strada evolutiva.

I coccodrilli, così come gli alligatori e i loro stretti parenti, hanno in particolare subito vari cambiamenti nella forma del cranio in risposta a varie specializzazioni dietetiche e in base agli ecosistemi che frequentavano di era in era. In sostanza hanno avuto per periodi musi più lunghi per mangiare pesce o un muso più corto per le prede più difficili.

Secondo Stephanie Pierce, professoressa di biologia organismica ed evolutiva che ha condotto lo studio insieme allo studente Zachary Morris, la ricerca può essere considerata come “un’istantanea dell’evoluzione del coccodrillo. Ma dimostra che essi sono stati ‘rattoppati’ con la loro strategia di sviluppo per adattarsi al loro ambiente, in modo che potessero avere il maggior successo possibile”.

Secondo Morris “I coccodrilli sono spesso considerati invariati nel corso del tempo. Ma la nostra analisi suggerisce invece che hanno sviluppato un kit di strumenti di sviluppo molto flessibile … quindi dato un tempo e una pressione selettivi sufficienti sono in grado di alterare la velocità e il tempo di sviluppo sviluppando forme ecologicamente diverse con muso con una forma lunga, corta o moderata”.

Questi stessi cambiamenti si sono poi verificati più volte nel corso dell’evoluzione di coccodrilli, come dimostrato da varie documentazioni fossili. I ricercatori, infatti, fanno notare che c’è stata una convergenza evolutiva proprio per quanto riguarda la forma del cranio e del muso: tutte le specie, col passare del tempo, hanno acquisito più o meno la stessa forma del muso e ciò è dovuto, molto presumibilmente, a pressioni ecologiche simili.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Rimani in contatto

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”

Commenta per primo

Rispondi