Anguille asiatiche invadono fiumi, laghi e paludi della Louisiana

Monopterus albus (credito: Obsidian Soul, CC0 1.0, via Wikimedia Commons)

Una nuova questione riguardante le specie animali invasive di origine asiatica è salita alla ribalta delle cronache negli Stati Uniti.
È in particolare la Louisiana che sta sperimentando l’invasione, per il momento ancora sotto controllo, di una specie di anguilla asiatica delle paludi (Monopterus albus), definita anche anguilla del riso perché abbonda nelle risaie del sud-est asiatico.

Secondo Robert Bourgeois, esperto di specie acquatiche per il dipartimento della pesca e della fauna della Louisiana, questi animali potrebbero essere stati rilasciati in natura in maniera avventata.
Non è la prima volta che vengono segnalate anguille asiatiche nelle Everglades e in altre aree paludose degli Stati Uniti meridionali ma il timore è che la popolazione possa aumentare esponenzialmente da un momento all’altro dato che la specie mostra una capacità fuori dal comune di sopravvivere nelle condizioni più avverse.

Ad esempio la specie asiatiche sono capaci di sopravvivere anche durante la stagione secca, un periodo durante il quale le anguille native muoiono quasi tutte.
Il problema è che queste anguille si cibano delle stesse prede che cacciano gli animali e i pesci nativi, come piccoli pesci, gamberetti, rane, aragoste e altri invertebrati. Questo problema si unisce al fatto che non hanno predatori naturali noti.

Pur non essendo una minaccia per gli esseri umani, questa specie, qualora la sua popolazione si stabilizzasse, potrebbe sovvertire gli ordini degli ecosistemi acquatici locali con conseguenze che al momento non sono ancora tracciabili.

Queste anguille marroni con chiazze color oro sono riconoscibili dal fatto che non hanno pinne, a differenza delle anguille native. Inoltre si rivelano anche più grandi perché possono crescere anche fino a 75 cm di lunghezza. Possono inoltre vivere per brevi periodi anche nelle acque salmastre.

Attualmente il dipartimento locale sta eseguendo controlli più approfonditi dei principali corpi d’acqua dolce dello Stato per comprendere la vastità del fenomeno e proprio per questo lo stesso dipartimento sta chiedendo aiuto anche al pubblico affinché segnali la presenza di questi animali.

Video

In Vietnam le anguille asiatiche sembrano un alimento apprezzato:

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook