Ansia della madre influenza sviluppo della connettività cerebrale nel feto

Credito: ImaArtist, Pixabay, 5285016

L’ansia delle madri durante la gravidanza può influenzare anche lo sviluppo del cervello del feto secondo un nuovo studio pubblicato su JAMA Open Network. I ricercatori hanno scoperto che la connettività neurale del nascituro può essere influenzato da livelli troppo alti di ansia materna.

Ansia della madre associata a pericoli riguardanti il feto

Non è il primo studio che associa l’ansia, così come altri fattori simili come lo stress e la depressione, a pericoli concernenti la gravidanza ma questo studio mostra che sono necessari più interventi per diagnosticare e ridurre lo stress delle madri nel corso della gravidanza anche se questo studio non dimostra che ridurre lo stress della madre durante la gravidanza automaticamente possa riportare in traiettoria lo sviluppo neurale del feto.

Analizzate 50 donne incinte

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno usato una tecnica denominata risonanza magnetica funzionale a stato di riposo (rs-fMRI). Con questa tecnica hanno analizzato lo sviluppo dei circuiti neurali nei feti in 50 donne incinte alla fine del secondo e del terzo trimestre.
Le pazienti, che si trovavano tra la 24ª e la 39ª settimana di gravidanza, dovevano completare anche di questionari per capire i livelli di stress, di ansia e di eventuale depressione.

Risultati

Alla fine dello studio i ricercatori scoprivano che quelle donne con i punteggi più alti per l’ansia mostravano probabilità più grandi di avere un feto con connessioni più forti tra il tronco cerebrale e le aree sensomotorie e connessioni più deboli tra la corteccia di associazione parieto-frontale e la corteccia occipitale.
Si tratta di risultati, secondo Josepheen De Asis-Cruz, ricercatrice del Children’s National Hospital, che suggeriscono una forma di alterazione fetale nella quale le reti del cervello subiscono l’influsso di livelli più elevati di ansia della madre ancor prima della nascita.

Approfondimenti

Articoli correlati


Tag

Condividi questo articolo


Data articolo