Aria sopra al polo sud si sta improvvisamente riscaldando

Osservazione del riscaldamento stratosferico di settembre 2002 (a sinistra) rispetto alle previsioni (a destra) di settembre 2019

Viene denominato “improvviso riscaldamento stratosferico ” il fenomeno di riscaldamento che sta avendo luogo nell’atmosfera sopra l’Antartide e che si intensificherà nelle settimane prossime portando ad un aumento di temperatura sopra la media.

Questa fase di riscaldamento è già iniziata nell’ultima settimana di agosto e si prevede che nei prossimi giorni e nelle prossime settimane si estenderà dall’atmosfera fino alla superficie terrestre con un riverbero di eventi che colpiranno gran parte dell’Australia orientale nei prossimi mesi.
Secondo il Bureau of Meteorology potrebbe trattarsi del più forte evento di riscaldamento mai registrato dal Polo Sud, una fase che supererà molto probabilmente il record precedente registrato a settembre del 2002.

L’ improvviso riscaldamento stratosferico è un evento climatico causato dal fatto che ogni inverno venti occidentali si sviluppano nella stratosfera sopra il Polo Sud circondando tutta la regione.
Questi eventi sono causati dalla differenza di temperatura nella regione del Polo Sud, dove non arriva la luce solare, e quella dell’oceano meridionale, dove il sole invece splende ancora.

Questi venti vengono indeboliti per alcuni mesi quando il Sole si sposta verso sud durante la primavera e quando la stessa regione polare inizia a riscaldarsi. Questo evento di riscaldamento può avvenire più velocemente del solito e può invertire la direzione dei venti in maniera che diventino “orientali”. Quando avviene velocemente l’evento è definito “improvviso riscaldamento stratosferico” ed è quello che sta succedendo ora.

Si temono sostanziali aumenti delle temperature durante il prossimo mese sulla terraferma australiana, una situazione che potrebbe estendersi fino a gennaio.
Ciò potrebbe tradursi, per l’Australia subtropicale, in una riduzione delle precipitazioni e in temperature più calde.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook