Asfalto magnetico “intelligente” per i monopattini elettrici

I ricercatori ipotizzano corsie per monopattini elettrici appositamente modificate con una superficie "intelligente" (credito: Università di Granada)

Asfalti “intelligenti” con particolari proprietà magnetiche che potrebbero essere di particolare utilità per i cosiddetti “monopattini elettrici” sono stati creati da un gruppo di scienziati dell’Università di Granada.
Questi nuovi materiali, utilizzati come copertura per le strade, possono modificare le loro proprietà a seconda della presenza di campi magnetici esterni.

Secondo i ricercatori che li hanno creati, possono segnalare a questi piccoli veicoli elettrici quando debbono rallentare e, in una visione più avanzata, potrebbero addirittura spegnere il motore elettrico del veicolo in caso di pericolo.
Questo nuovo asfalto potrebbe essere d’aiuto per quanto riguarda il crescente utilizzo dei monopattini cinetici e nelle città, un utilizzo che non risulta ancora regolamentato anche perché questi veicoli non sono velocissimi dunque non vengono comparati né ai classici scooter, né alle biciclette.

Inoltre le stesse infrastrutture cittadine non sembrano per nulla attrezzate per gestire “veicoli” come questi. Gli ingegneri dell’Università di Granada hanno sviluppato asfalto “codificato” che contiene diverse quantità di materiale metallico. Questo materiale metallico è composto da particelle magnetiche e può essere incorporato in punti sensibili come i confini dei marciapiedi e gli attraversamenti pedonali.

I dispositivi innestati sotto l’asfalto possono “essere codificati usando particelle metalliche” e possono inviare un codice ai monopattini elettrici. Possono, per esempio, avvertire gli utenti di ridurre la velocità o possono addirittura innescare l’arresto del motore.
Il progetto è stato presentato all’ottava conferenza dell’EATA (European Asphalt Technology Association) a Granada tenutasi dal 3 al 5 giugno 2019.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook