Asteroide grande due volte piramide di Giza si è avvicinato alla Terra a 7,5 milioni di km di distanza

Asteroide 2020 FR (465824) (credito: Virtual Telescope Project)

Un asteroide denominato 2020 FR (465824), grande due volte la piramide di Giza in Egitto, sta passando vicino alla Terra durante queste ore transitando ad una distanza minima di 7,5 milioni di km (più o meno 19 volte la distanza media tra la Terdra e la Luna o 0,049 unità astronomiche) alle ore 10:38 di ieri ad una velocità di oltre 50.000 km/h.
L’asteroide, che ha un diametro massimo stimato in circa 270 metri e che non ha alcuna possibilità di impattare sulla Terra come riferiscono gli esperti della NASA, è stato comunque classificato come “Potentially Hazardous Asteroid”, ossia come un asteroide potenzialmente pericoloso perché in un lontano futuro potrebbe avere qualche possibilità di colpire la Terra.

Si tratta di un asteroide Apollo, un tipo di asteroide che incrocia la sua orbita con quella della Terra (caratteristica che non sta a significare automaticamente una probabilità di impatto più alto).
L’asteroide è stato già fotografato dal Virtual Telescope Project quando si trovava ad una distanza di circa 7,8 milioni di km dalla Terra. Nella foto qui in alto lo si può notare, evidenziato da una freccia bianca, come un piccolo puntino poco luminoso.
L’asteroide è stato individuato per la prima volta il 18 marzo 2010 ed è già passato varie volte vicino alla Terra (l’ultima volta il marzo 2016).

Il prossimo passaggio dovrebbe venire il 22 marzo 2021 ad una distanza circa quattro volte maggiore della distanza con la quale si è avvicinato durante queste ore. Un altro passaggio più ravvicinato, durante il quale si avvicinerà ad una distanza paragonabile a quella con la quale si è avvicinato in queste ore, avverrà il 26 settembre 2026 quando 2020 FR si avvicinerà a circa 0,051 unità astronomiche.
Un ulteriore passaggio ravvicinato degno di nota avverrà l’11 marzo 2069 quando l’asteroide dovrebbe avvicinarsi asoli 0,020 unità astronomiche, ossia meno della metà della distanza alla quale si è trovato durante queste ore.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook