Asteroide si avvicina alla Terra a 192.000 chilometri: era stato scoperto solo il giorno prima

Schema dell'orbita dell'asteroide 2018 GE3 vicino alla Terra (credito: File:2018 GE3 orbit.png - Wikimedia Commons, Tomruen, CC BY-SA 4.0, cropped)

Un asteroide “a sorpresa” si è avvicinato alla Terra ieri, 15 aprile, passando a soli 192.200 chilometri di distanza dalla Terra, attraversando il sistema Terra-Luna.
Denominato 2018 GE3, l’asteroide è stato scoperto in seno al progetto Catalina Sky Survey della NASA che supporta proprio l’individuazione dei Near Earth Object (NEO), oggetti in avvicinamento alla Terra.
Qualche ora dopo l’individuazione, un astronomo dilettante, Michael Jäger di Weißenkirchen, Austria, ha poi videoregistrato il passaggio della roccia spaziale che attraversava la costellazione del Serpente.

Con un diametro stimato in 48-110 metri, l’oggetto vanta dimensioni da tre fino a sei volte quelle dell’asteroide che si schiantò su Chelyabinsk, in Russia, nel 2013.
L’asteroide è stato osservato per la prima volta solo l’altro ieri, 14 aprile 2018, alle 9:23 UTC, dagli astronomi del Catalina Sky Survey presso la Catalina Station dell’Osservatorio Steward, in Arizona, praticamente solo un giorno prima dell’incontro ravvicinato con la Terra avvenuto poi il 15 aprile.

Questo evento, sebbene sia stato caratterizzato da un livello di rischio per quanto riguarda eventuali impatti con la Terra praticamente nullo, fa però comprendere quanto sia importante sovvenzionare i progetti per l’individuazione sempre più proficua degli oggetti, in special modo asteroidi, che si avvicinano alla Terra e quanto un ritardo in tal senso potrebbe essere fatale.

2018 GE 3 è un asteroide Apollo: si tratta di una categoria di asteroidi che attraversano l’orbita della Terra; gli asteroidi Apollo rappresentano la categoria di oggetti astronomici che si avvicinano alla Terra più grande per quanto riguarda il numero di membri conosciuti (circa 10.000) e la categoria più pericolosa per quanto riguarda le probabilità e le possibilità di impatti catastrofici per il nostro pianeta.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi