Astrociti fondamentali per la respirazione e per il senso di stanchezza

Astrociti (in rosso), credito immagine: Jeffrey C. Smith lab, NIH/NINDS

Gli astrociti, sono cellule a forma di stella presenti nel sistema nervoso centrale dei mammiferi. Tendenzialmente gli scienziati hanno sempre pensato che gli astrociti fossero mere cellule di supporto dei neuroni per quanto riguarda il funzionamento del cervello ma un nuovo studio, pubblicato su Nature Communications, mostra che anche queste cellule vantano una certa importanza E rivestono ruoli fondamentali.
Gli scienziati sono arrivati a questa conclusione facendo degli esperimenti sui topi: quando inibivano gli astrociti nel cervello dei ratti, questi ultimi tendevano a respirare con un ritmo molto più basso e si stancavano molto più facilmente eseguendo normali esercizi su un tappeto rullante.

Jeffrey C. Smith, Ph.D., ricercatore senior presso l’Istituto Nazionale Neurologico del NIH Disorders and Stroke (NINDS), uno degli autori della ricerca, questo studio è solo una delle varie prove che gli scienziati stanno ottenendo negli ultimi anni riguardo all’importante ruolo svolto dagli astrociti nella cervello.
Si tratta, inoltre, di una ricerca che può aiutare a capire come funziona il cervello, in particolare il ruolo svolto dai neuroni per ciò che concerne il ritmo della respirazione.

Secondo gli scienziati, gli astrociti possono comunicare come i neuroni, ossia rilasciando messaggi chimici, denominati trasmettitori, verso le cellule vicine utilizzando l’adenosina trifosfato.
Nel momento in cui mettevano a tacere gli astrociti, negando loro questo tipo di comunicazione, nei ratti, questi ultimi ispiravano ed espiravano ad un tasso nettamente inferiore.
Ciò comportava che la stanchezza arrivasse prima tanto che, col silenziamento degli astrociti, i ratti riuscivano a percorrere solo la metà della distanza che percorrevano prima del silenziamento.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi