Astronauta degli Emirati Arabi torna sulla terra, conclusa missione

Hazzaa al-Mansoori, il primo astronauta degli Emirati Arabi Uniti nello spazio che ha raggiunto la stazione spaziale internazionale due settimane fa, è ritornato sulla terra atterrando nelle steppe kazake stamattina.

L’atterraggio è avvenuto insieme ad un altro astronauta della NASA, Nick Hague, e ad uno della Roscosmos, Alexey Ovchinin.
A bordo sono rimasti i due “compagni” di lancio di Mansoori, avvenuto il 25 settembre, ossia l’astronauta russo Oleg Skripochka e quella americana Jessica Meir.
Attualmente ci sono dunque sei membri sulla stazione spaziale internazionale.

La missione dell’astronauta arabo è stata abbastanza breve (otto giorni in totale) ma l’impresa è stata comunque fonte di orgoglio per tutti gli Emirati Arabi Uniti tanto che diverse celebrazioni sono avvenute in patria al momento del lancio, con la torre di Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo, illuminata a festa, e al momento dell’atterraggio.

Lo stesso astronauta è stato anche abbastanza attivo su Twitter pubblicando diverse foto degli Emirati dalla stazione e in generale tutti i media arabi ne hanno parlato pressoché quotidianamente.
Il primo astronauta arabo fu bin Salman Al-Saud, sultano dell’Arabia Saudita, che volò in una breve missione nel 1985 con una navetta americana mentre solo due anni dopo un pilota siriano, Muhammed Faris, trascorse sette giorni a bordo della sezione spaziale sovietica Mir.

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook