Atassia di Friedreich, esercizi di resistenza tempestivi potrebbero rivelarsi molto utile secondo ricerca

Credito: Free-Photos, Pixabay, 1245658

Esercizi fisici tempestivi potrebbero rivelarsi molto utili per pazienti con atassia di Friedreich secondo un ricercatore della Scuola di Medicina dell’Università della Virginia. Secondo lo scienziato, infatti, programmi di esercizi fisici tempestivi potrebbero rallentare la progressione di questa patologia, una malattia che in genere limita la stessa capacità di muoversi dei pazienti, in particolare di camminare.

“Quando si ha a che fare con una malattia genetica, spesso speriamo che la terapia genica sia avanzata fino a un punto con grande precisione ed efficienza che possiamo sostituire il gene difettoso nell’intero genoma e in tutte le cellule colpite nel corpo, ma la realtà è che non ci siamo ancora”, spiega Zhen Yan, il ricercatore coinvolto nello studio. Secondo Yan i risultati della ricerca che ha effettuato suggeriscono che potrebbe esistere un approccio alternativo per “per bypassare il gene difettoso nel mantenimento della normale funzione mitocondriale”.

L’atassia di Friedreich è una malattia che è causata da una mutazione genetica che agisce sui mitocondri, considerabili come le “centrali elettriche delle stesse cellule. I primi sintomi di solito appaiono tra i 5 e i 15 anni di età.
I sintomi stessi sono rappresentati perlopiù da difficoltà di movimento sempre più grandi, un equilibrio abbastanza scarso, una debolezza muscolare generale oltre che da diabete di tipo 2 e da un’insufficienza cardiaca.

Molto spesso i pazienti sono costretti a vivere su una sedia a rotelle mentre quelli più gravi diventano completamente inabili fino a che la malattia può portare alla morte.
Il ricercatore ha svolto esperimenti sui topi in laboratorio scoprendo che quei roditori che iniziavano a fare esercizi di corsa su lunghe distanze a due mesi di età evitavano in parte poi questi problemi.

“Concludiamo che un allenamento di resistenza previene l’insorgenza sintomatica della FRDA [atassia di Friedreich] nei topi associati a una migliore funzione mitocondriale e a una riduzione dello stress ossidativo”, riportano ancora i ricercatori. “Questi risultati preclinici possono spianare la strada a studi clinici sull’impatto dell’esercizio di resistenza nei pazienti con FRDA”.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook