Avvistamenti UFO: negli USA occidentali è boom. Cosa sta succedendo?

Secondo un recente studio, le persone che vivono nei vasti spazi aperti degli Stati Uniti occidentali sembrano avere riportato in maniera più frequente avvistamenti di UFO. L’indagine approfondisce gli aspetti ambientali che influenzano la probabilità di segnalare fenomeni aerei non identificati (UAP), un termine che comprende più dei semplici UFO includendo oggetti osservati nel cielo, nello spazio e sott’acqua.

Lo studio

Questo studio, riportato da Sharmila Kuthunur su Space.com, ha analizzato circa 98.000 avvistamenti nell’arco di due decenni, collegandoli a fattori come l’inquinamento luminoso e la vicinanza alle basi militari. Gli Stati Uniti occidentali sono emersi come un punto caldo per tali rapporti, insieme a un cluster più piccolo nel Nordest.

Uno sguardo più attento ai risultati

Richard Medina, geografo dell’Università dello Utah e ricercatore principale dello studio, ha espresso sorpresa per la predominanza di avvistamenti in Occidente. Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, [1] suggerisce che le variabili ambientali incidono in modo significativo sul numero di avvistamenti segnalati. Medina ha evidenziato che gli spazi aperti della regione e il clima temperato probabilmente contribuiscono a far sì che le persone trascorrano più tempo all’aria aperta e, di conseguenza, notino di più nel cielo. Questa analisi non riguarda solo l’identificazione degli UAP, ma anche la comprensione di quali avvistamenti potrebbero rappresentare una minaccia legittima.

Hotspot storici e racconti tecnologici

Gli Stati Uniti occidentali non sono estranei alla tradizione degli UFO, con luoghi come Area 51 e Roswell che sono sinonimo di teorie del complotto alieno. Lo studio rileva la storia di queste aree con test aerei non ortodossi e incidenti misteriosi, che potrebbero influenzare l’elevato numero di rapporti. Ad esempio, i test sperimentali sugli aerei presso l’Area 51 hanno alimentato a lungo la speculazione sulla tecnologia aliena. Nel frattempo, l’incidente di Roswell del 1947, inizialmente ritenuto essere l’incidente di un “disco volante”, si rivelò in seguito essere un progetto di sorveglianza militare.

Cosa stanno realmente vedendo?

I ricercatori, mentre analizzavano i dati pubblici del Centro nazionale di ricerca sugli UFO (NUFORC), hanno preso in considerazione fattori come la visibilità del cielo e la probabilità che vi siano oggetti nel cielo dovuti all’attività umana. Medina ha riflettuto sull’essenza di questi avvistamenti, considerando la crescente tecnologia presente nei nostri cieli.
Medina e il suo team vogliono ora esplorare modelli temporali e altri fattori come l’attività dei droni, che potrebbero spiegare ulteriormente gli avvistamenti.

Note e approfondimenti

  1. An environmental analysis of public UAP sightings and sky view potential | Scientific Reports (DOI: 10.1038/s41598-023-49527-x)
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo