Azienda canadese sostituirà 400 camionisti con camion a guida autonoma

La Suncor Energy, un’azienda canadese e la più grande compagnia petrolifera del Canada, ha annunciato che 400 camionisti della compagnia saranno sostituiti da altrettanti camion a guida autonoma nel corso dei prossimi sei anni. Attualmente l’azienda si serve di soli nove camion a guida autonoma che spostano materiale da costruzione in un sito di lavoro nella provincia di Alberta e già solo per questo l’azienda è considerata una precursrice in Canada.

I camion saranno appositamente programmati per prestazioni specifiche che saranno determinate dai vari siti di lavoro in cui saranno impiegati. Questi camion, che possono funzionare 24 ore al giorno e che non hanno bisogno della pausa pranzo, avvantaggierano di non poco l’azienda perché avranno bisogno di poca manutenzione anche per il solo fatto di essere autonomi.
Ad esempio, evitando brusche accelerazioni, sferzate o frenate indotte da stress o distrazione nonché da qualsiasi errore tipico di un essere umano, i pneumatici e le gomme dureranno molto di più (la stessa azienda stima Il 40% in più) e lo stesso ragionamento si può certamente fare per le altre parti meccaniche dei veicoli.

Oltre ad essere più proficui in termini lavorativi, questi veicoli autonomi andranno ad abbattere anche i costi operativi e, sempre secondo l’azienda, aumenteranno anche di non poco la sicurezza nei cantieri.
La stessa azienda però tiene a specificare che in sostanza non arriverà a licenziare nessun camionista della propria compagnia in quanto già da adesso si sta preparando in tal senso assumendo solo camionisti su base temporanea, caratteristica che le permetterà di non licenziare alcun impiegato “fisso”. La stessa azienda però ha anche specificato che sta lavorando con il sindacato per formulare piani non dolorosi riguardo ad una riduzione del proprio personale.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati


Condividi questo articolo

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi