Balene e delfini hanno culture e società complesse quanto quelle degli uomini

Credito: New Africa, Shutterstock, ID: 2036949725

Secondo una nuova ricerca, pubblicata su Nature Ecology & Evolution, le balene e delfini e in generale i cetacei, vivono in gruppi fortemente coesi a livello sociale con culture e interazioni molto simili a quelle degli esseri umani. Lo studio, realizzato grazie ad una collaborazione tra diverse università inglesi, canadesi e statunitensi, è tra l’altro il primo che mette in relazione le dimensioni del cervello di questi cetacei direttamente con i loro comportamenti sociali.

Le specie prese in considerazione sono più di 90 e le prove riguardanti comportamenti sociali complessi, basati anche sul cooperativismo, risulterebbero evidenti. La caratteristica principale dello studio, però, è insita nel fatto che più complessi sono questi comportamenti, più grande risultava la dimensione del cervello dell’animale analizzato.
Lo studio elenca poi una serie di somiglianze a livello comportamentali tra varie specie di cetacei e gli esseri umani (comportamenti quali alleanze, insegnamento delle tecniche di caccia, caccia cooperativa, vocalizzazioni complesse e giochi sociali).

Una delle caratteristiche più interessanti è relativa proprio alle vocalizzazioni: alcuni cetacei utilizzano veri e propri “dialetti”, linguaggi diversi da quelli di membri della stessa specie ma che vivono in zone diverse. Inoltre è stato riconosciuto che i delfini utilizzano “fischi” univoci per chiamare determinati individui, un po’ quello che facciamo noi con i nomi.

Secondo la dottoressa Susanne Shultz, biologa evolutiva della School of Earth and Environmental Sciences dell’Università di Manchester, una delle attrici dello studio, “Come umani, la nostra capacità di interagire e di coltivare le relazioni sociali ci ha permesso di colonizzare quasi tutti gli ecosistemi e gli ambienti del pianeta. Sappiamo inoltre che balene e delfini hanno cervelli eccezionalmente grandi e anatomicamente sofisticati e, quindi, hanno creato una cultura marina simile”.

Fonti e approfondimenti

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo