Bambini che dormono meglio hanno più materia grigia nel cervello

I ricercatori scoprivano che i bambini che godevano di un sonno migliore mostravano più materia grigia in alcune importanti aree del cervello (credito: DOI: 10.1111/ijpo.12707 - Migueles - - Pediatric Obesity - Wiley Online Library)

Secondo uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Granada, studio pubblicato su Pediatric Obesity, quei bambini in sovrappeso o obesi che vanno a letto prima e che in generale dormono meglio e di più, mostrano una quantità maggiore di materia grigia nel cervello rispetto quei bambini in sovrappeso o obesi che soffrono di un sonno di scarsa qualità.
Conseguentemente, i bambini che dormono meglio mostrano anche prestazioni migliori a scuola e un livello di quoziente d’intelligenza più alto.

Nel corso degli esperimenti eseguiti con più di 100 bambini in sovrappeso o obesi ricercatori hanno infatti scoperto che quei bambini che dormivano meglio mostravano più materia grigia in otto regioni corticali e dell’ippocampo, tutte aree fondamentali per lo sviluppo cognitivo e per le prestazioni accademiche, come spiega Jairo Hidalgo Migueles, ricercatore dell’UGR e autore principale dello studio.
Migueles spiega anche che durante gli esperimenti lui e i colleghi hanno scoperto che i bambini che si svegliavano prima la mattina avevano un rendimento scolastico migliore: “Questo risultato sembra indicare che deve essere garantito il periodo di tempo appropriato, dal momento in cui il bambino si sveglia fino all’inizio della giornata scolastica, assicurando così una buona attivazione cognitiva”.

Nel corso degli esperimenti i ricercatori hanno usato degli accelerometri incorporati in delle smartband, oggetti i bambini dovevano indossare per tutta la notte onde verificare la qualità del sonno oltre che la sua durata ed altre caratteristiche.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook