Bambini di madri che hanno assunto snus durante gravidanza mostrano pressione più alta

Un team di ricerca ha scoperto che i bambini da cinque a sei anni le cui madri avevano utilizzato lo snus durante la gravidanza mostravano una pressione sanguigna sistolica più alta. Il nuovo studio è stato pubblicato sul Journal of the American Heart Association.

Lo snus è un tabacco in polvere umido per uso orale che è già stato vietato nell’Unione Europea nel 1992 a seguito di studi promossi dall’Organizzazione Mondiale della Sanità secondo i quali risulta cancerogeno.
Tuttavia questo tabacco è abbastanza popolare in alcuni paesi, ad esempio in Svezia, e risulta ancora disponibile negli Stati Uniti (anche se in questo paese risulta attualmente sotto processo da parte della FDA).

Lo snus si pone tra le gengive e il labbro superiore ed eroga sostanzialmente nicotina. Il vantaggio di utilizzare un tabacco del genere starebbe nel fatto che non include i sottoprodotti di derivanti dalla combustione delle classiche sigarette. Altro vantaggio sta nel fatto che non è necessario sputare come avviene invece con il più diffuso tabacco da masticare.

Questo studio mostra che assimilare nicotina durante la gravidanza, sia essa derivante dalle sigarette, dal tabacco da masticare o dallo snus, risulta non sicuro e può avere impatti negativi sul nascituro, come spiega Felicia Nordenstam, ricercatrice in cardiologia pediatrica dell’ospedale universitario dell’istituto Karolinska di Stoccolma e autrice principale dello studio.

La ricercatrice ha analizzato i dati dei bambini nati da 21 donne che utilizzavano solo snus nel corso della gravidanza mettendoli a confronto con i dati di 19 bambini le cui madri non utilizzavano alcun prodotto derivante dal tabacco nel corso della gravidanza.
I ricercatori scoprivano che la pressione arteriosa sistolica dei bambini del primo gruppo era di 4.2 mmHg più alta rispetto ai bambini del secondo gruppo.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook