Bambini nati da genitori più anziani tendono ad avere meno problemi di comportamento

Secondo uno studio condotto da ricercatori di vari istituti olandesi, i bambini che sono nati da quei genitori con un’età più alta della media, in generale i genitori più anziani, sono più inclini a non avere problemi particolari del comportamento.

Nello studio, apparso su Child Development, si descrivono risultati che i ricercatori hanno conseguito analizzando i dati relativi a 32.892 bambini olandesi con un’età compresa tra 10 e 12 anni. Il comportamento problematico veniva valutato in base alle dichiarazioni del padre, della madre, degli insegnanti e dei bambini stessi attraverso una serie di questionari di strumenti standard.
I bambini appartenevano a vari strati sociali e a famiglie di vari livelli socioeconomici.

I risultati mostravano i bambini dei genitori più anziani mostravano meno problemi di comportamento esternalizzanti e che l’età stessa dei genitori non sembrava particolarmente correlata ai problemi di comportamento di internalizzazione dei figli.

Dorret Boomsma, professore di psicologia biologica e genetica comportamentale e uno degli autori dello studio così spiega i risultati:
“È possibile che alcuni dei motivi per cui i genitori più grandi hanno figli con minori problemi come l’aggressività sia che i genitori più anziani hanno più risorse e livelli di istruzione più elevati. Ma è importante notare che il livello di istruzione medio più elevato dei genitori più anziani non spiega completamente i livelli ridotti di problemi di esternalizzazione nei loro figli.”

Secondo i ricercatori, dunque, i genitori non dovrebbero preoccuparsi poi troppo di eventuali effetti dannosi riguardo all’avere un figlio in un’età avanzata.
La ricerca è stata realizzata da ricercatori dell’Università di Utrecht, della Vrije Universiteit di Amsterdam, del Centro Medico Erasmus e dell’University Medical Center Groningen.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook