Bambino nuota in fiume e rimane infettato da ameba mangia-cervello Naegleria fowleri

Varie fasi della vita della Naegleria fowleri (credito: Centers for Disease Control and Prevention)

I CDC statunitensi hanno inoltrato una comunicazione che conferma la causa della morte di un bambino in Nebraska: è rimasto infettato da un ameba “mangia cervello”, una della specie Naegleria fowleri. Lo riferisce anche un articolo sul sito della CNN che cita anche un epidemiologo che lavora nello Stato del Nebraska, Matthew Donahue.

Il caso del bambino morto

L’età del bambino non è stata comunicata ma si sa che è morto durante questa settimana. Il fatto è avvenuto nella contea di Douglas perché la comunicazione è partita dal Dipartimento sanitario locale. Come riferisce la stessa CNN, l’ameba Naegleria fowleri si trova di solito nei laghi e nei fiumi di acqua dolce. L’esposizione deve essere avvenuta quando il bambino ha fatto una nuotata l’8 agosto in un’area del fiume Elkhorn. I sintomi, tuttavia, sarebbero iniziati solo cinque giorni dopo. Il bambino è stato ricoverato in ospedale 48 ore dopo che i sintomi sono iniziati ed è molto diversi giorni dopo.[1]

Naegleria fowleri e meningoencefalite amebica primaria

L’ameba in questione, la specie Naegleria fowleri, può causare una malattia denominata meningoencefalite amebica primaria, come afferma il comunicato della Dipartimento sanitario del Nebraska. Si tratta di una infezione celebrale. L’ameba può introdursi attraverso il naso e poi può raggiungere il cervello. Si tratta di casi molto rari e nella maggior parte dei casi l’infezione risulta fatale, spiega il comunicato.[1]

Altri casi

Un evento simile era accaduto già nello stato dell’Iowa a luglio. Una persona che aveva visitato una spiaggia locale è morta dopo essere stata infettata dalla Naegleria fowleri e ancora a settembre dell’anno scorso un bambino del Texas era morto in un parco acquatico pubblico.[1]

Modo per prevenire l’infezione

Donahue spiega che le infezioni da Naegleria fowleri identificate ogni anno vanno da 0 a 8 casi. Le infezioni di solito avvengono nel periodo tra luglio e settembre, quando le acque sono più calde. Un modo per prevenire l’infezione causata da questa ameba è quella di limitare la quantità di acqua che entra nel naso, riferisce ancora Donahue.[1]

Note e approfondimenti

  1. CDC confirms Nebraska child who died after swimming was infected with the brain-eating amoeba Naegleria fowleri – CNN
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo