Bassa autostima collegata ad un maggior rischio di utilizzo di oppioidi

Secondo uno studio condotto dal gruppo di ricercatori della Binghamton University, la bassa autostima è connessa ad un maggior rischio di utilizzo di oppioidi e sembrano essere a rischio maggiore anche per quanto riguarda problemi di salute, problemi di famiglia e problemi d’amore.
La ricerca si è avvalsa delle interviste a oltre 1000 adulti con domande relative ai fattori di stress, all’autostima e all’eventuale utilizzo di oppioidi. I risultati mostrano chiaramente che la scarsa autostima era collegata ad un uso elevato di oppioidi

La studentessa di di Binghamton, Damla Aksen, una delle autrici dello studio, dichiara: “Anche se non possiamo trarre conclusioni sulla fisiologia sottostante al nostro presente studio, ricerche precedenti indicano che gli individui che manifestano rifiuto sociale hanno un aumentato rischio di bassa autostima e depressione, con ridotta funzionalità di serotonina e dopamina nel cervello. Poiché gli oppioidi aumentano gli effetti della dopamina e della serotonina nel cervello, consumarli fornisce un rapido e potente cambiamento nella depressione neurochimica sottostante e la bassa autostima che spesso include. In altre parole, gli oppioidi possono servire come automedicazione in risposta agli fattori di stress sociali e alla loro cascata di conseguenze negative”.

Fonti e approfondimenti



Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Resta aggiornato su Facebook: clicca su “Mi piace questa pagina”


Commenta per primo

Rispondi