Batteria al litio straordinariamente flessibile creata da ricercatori di Hong Kong

Batterie al litio flessibili sviluppate dai ricercatori dell'Hong Kong Polytechnic University (PolyU)

Una batteria al litio definita come “altamente flessibile”, dunque adatta in particolare per l’elettronica indossabile, è stata sviluppata da un gruppo di ricerca dell’Institute of Textiles and Clothing (ITC) del PolyU di Hong Kong.
La batteria è caratterizzata da un raggio di curvatura inferiore ad un millimetro; le più comuni batterie al litio pieghevoli possono raggiungere un raggio di curvatura di circa 25 mm con prestazioni molto inferiori ai 200 Wh/L.
La nuova batteria, denominata Textile Lithium Battery, dimostra invece un’elevata densità con 450 Wh/L.

Inutile dire che una scoperta del genere potrebbe far avanzare ancora di più il comparto riguardante la tecnologia indossabile, un settore che sta avanzando tantissimo negli ultimi anni non solo grazie alla miniaturizzazione dei componenti ma anche grazie a connessioni senza fili per la trasmissione dei dati sempre più performante.
Il punto debole della tecnologia indossabile resta però la batteria, spesso troppo grande o, quando sufficientemente piccola, poco flessibile.

La tecnologia, brevettata dallo stesso istituto hongkonghese, vede la deposizione metallica assistita da polimero (Polymer-Assisted Metal Deposition, PAMD), un processo durante il quale rame e nichel vengono depositati uniformemente su tessuti i trattati. Questi stessi tessuti metallici fungono da collettori di corrente nella batteria.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Fai una ricerca

Tag principali

Commenta per primo

Rispondi