Batterie allo stato solido, scoperto nuovo efficiente materiale

Un nuovo materiale per batterie allo stato solido ad alte prestazioni è stato scoperto da un gruppo di ricercatori dell’Università Cattolica di Louvain, Belgio.
Secondo il comunicato stampa, questo materiale potrebbe essere utilizzato nelle batterie del futuro per rendere più efficiente l’accumulo di energia nonché la fase di carica e di scarica della stessa.

Il pensiero va soprattutto ai livelli di sicurezza ritenuti non sufficienti da molti per quanto riguarda le batterie agli ioni di litio. Queste ultime sono batterie in cui sono presenti elettroliti organici liquidi, una cosa che porta la stessa batteria ad essere soggetta ad incendi in quanto questi liquidi sono infiammabili.
L’unica soluzione ad oggi programmata è l’utilizzo di un elettrolita solido, tuttavia nessun materiale viene ritenuto ancora all’altezza in relazione all’efficienza che si può avere con una batteria agli ioni di litio.

Questi ultimi, infatti, nei solidi sono molto meno mobili e questo rende meno efficiente la prestazione della batteria soprattutto quando deve essere caricata o scaricata.
Gli scienziati dell’Istituto belga hanno scoperto un nuovo materiale che potrebbe essere un nuovo candidato. Si parla del LiTi2(PS4)3 o LTPS, un materiale che mostra un coefficiente di diffusione più elevato rispetto a quelli già sperimentati per le batterie allo stato solido.

Nello studio, pubblicato su Chem, viene descritto questo materiale e la sua esclusiva struttura cristallina che potrebbe aprire nuove prospettive in tutto il settore relativo ai conduttori di ioni di litio e in generale delle batterie allo stato solido.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo


Resta aggiornato su Facebook

Commenta per primo