Bere alcolici può cambiare il DNA e portare ad un aumento sempre più grande del desiderio

Bere alcolici può rappresentare un fattore molto negativo per la salute e vari sono gli effetti che l’alcol può provocare al nostro corpo. Si pensi che nel solo 2016 più di 3 milioni di persone sono morte per abuso di alcol (circa il 5% di tutte le morti globali).
Uno di questi effetti negativi è stato descritto in uno studio pubblicato sulla rivista Alcoholism: Clinical & Experimental Research. Secondo i ricercatori, l’assunzione di alcol può addirittura cambiare il DNA e può farlo in maniera tale da far desiderare ancora di più l’alcol. Questi risultati potrebbero spiegare il motivo che si cela dietro alla dipendenza dall’alcol, una delle più forti e più difficili da sradicare tra quelle conosciute.

La ricerca, condotta da un gruppo di scienziati della Rutgers e della Yale University School of Medicine, si è concentrata soprattutto su due geni già conosciuti perché controllano il comportamento: PER2 e POMC. Il primo influenza l’orologio biologico e il secondo regola le risposte del nostro corpo allo stress.
A seguito delle analisi di vari bevitori, i ricercatori hanno infatti scoperto che nei bevitori forti abituali o anche in coloro che avevano assimilato molto alcol nel corso di una sola sessione, i due geni erano cambiati attraverso un processo denominato metilazione.

Inoltre si era verificata anche una riduzione della velocità con cui questi geni creano proteine. E più si assumeva alcol, più questi effetti diventavano pesanti.
In una seconda fase dell’esperimento, ai bevitori venivano sottoposte varie tipologie di immagini, alcune che provocavano un effetto stressante, altre legate all’alcol e altre neutre. I ricercatori scoprivano che i bevitori abituali o coloro che avevano bevuto tanto in una sola sessione dimostravano un maggior desiderio di alcol.

Fonti e approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook