Bollette elettriche più alte: ecco una conseguenza enorme e sottovalutata della pandemia

Credito: Christian Oehlenberg, Pixabay, 533818

C’è una conseguenza, tra le tante di cui abbiamo sentito parlare o che abbiamo trattato riguardo alla pandemia da COVID-19 in corso, a cui probabilmente molti non avranno pensato ma che è tangibile, come spiega un professore di economia della Tufts, Steve Cicala, in un articolo sul sito della sua facoltà: l’aumento delle bollette elettriche residenziali.
In effetti restare di più a casa, a volte addirittura per tutto il giorno quando è possibile affidarsi al cosiddetto “smartworking”, significa consumare di più anche, e probabilmente soprattutto, energia elettrica.

E si tratterebbe anche di un costo finanziario non indifferente secondo il ricercatore che ha analizzato l’uso domestico di elettricità negli Stati Uniti accorgendosi che, in questi mesi di pandemia, è aumentato del 10% rispetto ai mesi pre pandemia. In totale, calcola il ricercatore, il consumo residenziale l’energia elettrica è aumentato di quasi 6 miliardi di dollari, rispetto ai livelli normali pre pandemici, da aprile a luglio.

Si tratta di statistiche che in realtà sono controcorrente rispetto a quelle degli anni precedenti quando l’uso di elettricità residenziale, sempre negli Stati Uniti, è diminuito a causa di vari fattori, in primis il maggior utilizzo di luci LED e poi per il crescente utilizzo dei pannelli solari sul tetto e per l’uso di apparecchi che, effettivamente, consumano sempre di meno.
Considerando i fattori di cui sopra, si tratta di un “cambiamento enorme”, come lo definisce lo stesso Cicala che riguarda sicuramente la politica ambientale e quella energetica considerando che, fino all’inizio della pandemia, i consumi di elettricità residenziale stavano diminuendo di circa l’1% ogni anno.

La domanda però sorge spontanea ed è la stessa a cui risponde Cicala nell’articolo: parallelamente all’aumento del consumo residenziale c’è stata una diminuzione del consumo industriale e in generale da parte delle imprese? In effetti c’è stato, dichiara il ricercatore, anzi la diminuzione dei consumi di energia elettrica da parte delle aziende e stata ancora maggiore anche se, dopo maggio 2020, questi stessi consumi sono ritornati quasi agli stessi livelli del periodo pre pandemico.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook