Bombardare Marte con bombe nucleari: Musk ci crede ancora

Elon Musk ci crede ancora: bombardare Marte con bombe nucleari per renderlo vivibile per gli esseri umani potrebbe essere possibile in ipotetico futuro nel quale la Terra non risulterebbe più abitabile.

L’idea è giunta alla mente del CEO di SpaceX e Tesla già diversi anni fa e ora un suo nuovo breve tweet con la scritta “Nuke Mars!” riporta in auge il discorso.
Già da diversi anni sta partecipando a vari talkshow o ha emesso comunque diversi brevi comunicati dove ha esposto la sua idea di terraformazione del pianeta rosso.

Quest’ultimo potrebbe essere riscaldato lanciando bombe nucleari sui due poli, ciò potrebbe innescare il rilascio dell’anidride carbonica che si pensa sia intrappolata nei ghiacci.
L’anidride carbonica entrerebbe nell’atmosfera e qui potrebbe innescare a sua volta un effetto serra che lentamente potrebbe riscaldare il pianeta aumentandone la temperatura nonché la pressione dell’aria.

Più o meno quello che sta succedendo alla Terra con la differenza che qui il cambiamento climatico non è certo voluto.
Per il momento Musk si sta limitando a progettare vari prototipi per quello che dovrebbe essere il razzo, denominato per ora Starship, che potrebbe trasportare esseri umani in futuro su Marte.
Uno dei prototipi, denominato Starhopper, sembra aver superato solo in parte il test.

Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Dati articolo