Boston Dynamics mette in vendita Spot, il suo cane robotico

Boston Dynamics ha deciso di mettere in vendita, dopo anni di sviluppo, presentazioni, video e studi vari, l’ormai noto Spot, il cane robotico più famoso dell’azienda che può salire le scale e attraversare terreni accidentati “con una facilità senza precedenti”.

Il primo cane robot, diversamente da quanto proposto dalla fantascienza nei decenni passati, non servirà per stare vicino alle persone, magari quelle più sole o gli anziani, facendo loro compagnia di fianco al caminetto ma sarà più che altro un mezzo di trasporto o di esplorazione utile in diversi ambienti di lavoro o industriali.

Dotato di arti flessibili che si rifanno proprio quelli dei cani e di zampe che permettono un trasporto di carichi utili che nessun drone attuale (a parte quelli militari) può sopportare (circa 14 kg), Spot è caratterizzato da una velocità massima di 1,6 m/s e da un’autonomia di un’ora e mezza. La batteria che è removibile (e quindi acquistandone due si potrà raddoppiare l’autonomia).

È poi dotato di una serie di sensori e telecamere grazie ai quali sarà capace di evitare, con la sua visione a 360°, autonomamente gli ostacoli, cosa assolutamente essenziale in un sito industriale o di lavoro.
È resistente all’acqua (IP54) e può lavorare da -20° a 45° centigradi.

Il robot è naturalmente gestibile da remoto e potrà rivelarsi particolarmente utile nei cantieri, nei siti per l’estrazione di petrolio o di gas naturale (per ispezionare a distanza eventuali danni o perdite) e nel settore della sicurezza pubblica (ad esempio per ispezionare eventuali ordigni, un settore nel quale, tra l’altro, già operano diversi robot sofisticati).

Il prezzo? Nella pagina di presentazione sul sito ufficiale della Boston dynamics (vedi il link qui sotto) non c’è un accenno ma queste caratteristiche e il nuovo video che lo presenta su YouTube non fanno sperare per il meglio in quanto ad economicità.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook