Caffeina fa comprare di più, soprattutto i prodotti più inutili

Credito: KreaFoto, Shutterstock, ID: 1624562350

La caffeina è un noto stimolante ma, secondo un team di ricercatori di alcuni istituti americani, può anche influenzare la spesa. Nello studio, pubblicato sul Journal of Marketing,[2] è stato esaminato l’effetto dell’assunzione di caffeina con porzioni comprese tra 30 mg a 100 mg. I ricercatori hanno scoperto che la stessa caffeina sembra aumentare i livelli di impulsività per quanto riguarda il numero dei prodotti acquistati.

L’esperimento

Per eseguire il loro esperimento i ricercatori hanno messo in piedi un chiosco che preparava caffè espresso nei pressi di due negozi al dettaglio di due città francesi e fuori ad un centro commerciale in Spagna. In totale hanno fatto partecipare 300 persone: a metà di esse veniva offerta una tazza di caffè in omaggio con caffeina mentre all’altra metà veniva offerta acqua oppure caffè decaffeinato.

Scoperte

I ricercatori scoprivano che i soggetti che consumavano il caffè con caffeina spendevano molto di più e acquistavano più prodotti rispetto ai soggetti che bevevano caffè decaffeinato oppure acqua.
Inoltre la caffeina sembrava avere un impatto anche sulle tipologie di articoli acquistati. I soggetti che avevano assunto la caffeina compravano prodotti più “edonistici” o divertenti, come candele profumate e fragranze. Non si notavano differenze per quanto riguarda l’acquisto di oggetti utili, come gli utensili.

In molti negozi e centri commerciali sempre più presenti punti dove si vende caffè

“Nel complesso, i rivenditori possono beneficiare finanziariamente se gli acquirenti consumano caffeina prima o durante lo shopping e che gli effetti sono più forti per i prodotti ad alto contenuto di edonico. Questo è importante per i rivenditori da tenere in considerazione per determinare la proporzione di prodotti edonici nei loro negozi. I responsabili politici potrebbero anche voler informare i consumatori sui potenziali effetti della caffeina sulla spesa”, spiegano gli stessi ricercatori. Si tratta di fattori importanti in quanto in molti negozi al dettaglio e soprattutto nei centri commerciali e nei supermercati sempre più spesso si trovano punti in cui è possibile acquistare caffè o bevande che contengono caffeina.

La caffeina è uno stimolante?

La caffeina può essere considerata come uno degli stimolanti più potenti tra quelli legali e ampiamente disponibili.[1]

Quanto caffè consumano gli americani?

L’85% degli americani assume almeno una bevanda che contiene caffeina al giorno.[1]

Dove è presente la caffeina oltre al caffè?

La caffeina, oltre che nel caffè, è presente anche nel tè, in alcune bibite gasate, in alcune bevande energetiche, nel cioccolato e in alcuni farmaci.[1]

Che effetti ha la caffeina sul corpo?

La caffeina aumenta l’eccitazione e lo stato di allerta perché agisce come uno stimolante sul sistema nervoso centrale. L’effetto più evidente è quello che fa restare più vigili: ci si sente più svegli e meno stanchi e proprio per questo la caffeina è stata inserita in diversi farmaci per la sonnolenza oltre che per il mal di testa e l’emicrania.[3]

Che effetti produce l’astinenza da caffeina?

L’astinenza da caffeina può causare mal di testa e altri sintomi tra cui l’irritabilità, l’ansia e la sonnolenza. Sintomi più rari possono essere i tremori.[3]

Cosa succede se si assume troppa caffeina?

Una vera “overdose” di caffeina è un evento abbastanza raro ma quando accade il sovraddosaggio può causare vomito, confusione e finanche allucinazioni.[3]

Note e approfondimenti

  1. Press Release From the Journal of Marketing: Grab a Coffee Before Shopping? You May Want to Think Twice
  2. EXPRESS: Effetti della caffeina sulla spesa dei consumatori – Dipayan Biswas, Patrick Hartmann, Martin Eisend, Courtney Szocs, Bruna Jochims, Vanessa Apaolaza, Erik Hermann, Cristina M. López, Adilson Borges (DOI:/10.1177/00222429221109247)
  3. The Effects of Caffeine on Your Body
Condividi questo articolo

Disclaimer notizie

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile di altri siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Notizie scientifiche.it usa i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione (Leggi di più)

notiziescientifiche.it partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un blog di notizie, non un sito di consigli medici. Leggi anche il disclaimer medico.

Dati articolo