Caffeina può compensare dieta troppo ricca di grassi e zuccheri secondo studio

Abstract grafico dello studio (credito: ScienceDirect)

La caffeina può rivelarsi utile come elemento di compensazione per una dieta con troppi grassi o zuccheri. A questa conclusione è arrivato uno studio prodotto da ricercatori dell’Università dell’Illinois che dichiarano di aver scoperto che questa sostanza, naturalmente presente nel caffè o nel tè, aiuta a limitare l’aumento di peso e la produzione di colesterolo, anche in quelle diete non proprio salutari.

I ricercatori hanno effettuato esperimenti sui ratti facendo consumare a questi ultimi caffeina derivata dal tè mostrando che gli animali guadagnavano il 16% in meno di peso e accumulavano il 22% in meno di grasso corporeo nei confronti di quei ratti che consumavano invece tè decaffeinato pur avendo una dieta simile.
Stessi effetti si avevano con la caffeina estratta dal caffè e con la caffeina sintetica.

Per gli esperimenti i ricercatori hanno utilizzato il tè Mate, una bevanda ricca di sostanze fitochimiche, flavonoidi e aminoacidi molto diffusa nell’America Latina. La proporzione di caffeina in questa tipologia di tè può variare da 65 a 130 mg.
I ratti che hanno partecipato allo studio, oltre ad assumere questa caffeina oppure ad assumere tè decaffeinato, dovevano portare avanti una dieta che conteneva ben il 40% di grassi, il 45% di carboidrati e il 15% di proteine.

L’esperimento è durato quattro settimane e alla fine la percentuale di massa corporea magra dei ratti che ingerivano caffeina derivata dal tè, dal caffè o dalle fonti sintetiche era maggiore dei ratti che non avevano assunto caffeina.
A questo punto il tè e la caffeina stessa possono essere considerati agenti anti-obesità, come spiega Elvira Gonzalez de Mejia, una delle autrici dello studio la quale aggiunge i risultati di questa ricerca confermano che il tè e la caffeina in generale possono essere utilizzate per nuove strategie onde prevenire il sovrappeso dell’obesità nonché tutti i disturbi metabolici associati.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook