Cancro al seno, nuovo nanofarmaco uccide cellule tumorali senza intaccare quelle sane

Un nuovo nano farmaco è stato testato in laboratorio su cellule triple cancerose del cancro al seno da un team di ricercatori appartenenti all’Università dell’Arkansas.
Si tratta di uno dei carcinomi mammari più aggressivi. Lo studio, pubblicato su Advanced Therapeutics, è stato guidato da Hassan Beyzavi, professore del Dipartimento di Chimica e Biochimica.

I ricercatori hanno testato una nuova classe di nanomateriali denominati strutture metallo-organiche insieme ai ligandi (molecole che si legano ad altre molecole) di un farmaco usato per la terapia fotodinamica.
Si tratta di una classe di materiali emergenti che vengono utilizzati soprattutto per la consegna molto mirata dei farmaci nelle varie aree del corpo.

“Come sappiamo, migliaia di donne muoiono di cancro al seno ogni anno. I pazienti con cellule triple negative sono particolarmente vulnerabili, a causa degli effetti collaterali tossici dell’unica terapia approvata per questo tipo di cancro. Abbiamo affrontato questo problema sviluppando un co-formulazione che prende di mira le cellule tumorali e non ha alcun effetto sulle cellule sane”, spiega Beyzavi nel comunicato stampa apparso sul sito dell’Università dell’Arkansas (primo link in basso).
Il nuovo farmaco sembra infatti riuscire, un certo grado di efficacia, a prendere di mira e poi ad uccidere solo le cellule tumorali senza intaccare quelle normali.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Disclaimer medico

Notizie scientifiche.it è un sito di notizie, non di consigli medici. Leggi anche il nostro disclaimer medico.

Dati articolo

Resta aggiornato su Facebook