Cani addestrati per scovare feci di lucertole in pericolo di estinzione onde analizzarne DNA

Gambelia sila

Come si possono effettuare campionamenti di DNA non invasivi per la conservazione delle lucertole in tutto il mondo? Con cani da rilevamento appositamente addestrati. È quanto propone un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della California, Davis, che hanno collaborato con il Working Dogs for Conservation, il Geological Survey e il Bureau of Land Management.

I ricercatori sono infatti riusciti ad addestrare dei cani per localizzare gli escrementi onde raccogliere poi campioni di DNA per vari animali, dagli orsi al volpi, ma questo è il primo caso in cui questa tecnica viene utilizzata per i rettili.
I ricercatori hanno già provato questo approccio per identificare l’eventuale presenza della Gambelia sila, una lucertola in pericolo di estinzione conosciuta anche come “lucertola leopardo dal naso smussato”.

Hanno poi sviluppato nuovi metodi per analizzare il DNA una volta che il cane ha individuato le feci per identificare geneticamente le specie di lucertole nella stessa area.
Si tratta di un “modo davvero prezioso”, come specifica Mark Statham, ricercatore associato presso l’Unità di ecologia e conservazione dei mammiferi della UC Davis e autore principale dello studio, per identificare a livello genetico, e dunque con estrema precisione, tutte le lucertole in pericolo di estinzione in una determinata area.
Attualmente i metodi per rilevare le lucertole in pericolo di estinzione sono perlopiù basati su indagini visive con tutte le difficoltà che ne conseguono.

Approfondimenti

Articoli correlati

Condividi questo articolo

Dati articolo


Resta aggiornato su Facebook